Trasporto pubblico gratuito: non è un’utopia

Nel novembre del 2018 abbiamo parlato dell’ipotesi di rendere gratuito il trasporto pubblico a Roma.

Come ha ben argomentato nel pezzo Mercurio Viaggiatore, la cosa è tutt’altro che campata in aria e alle giuste condizioni porterebbe vantaggi per tutti; oltre infatti a coloro che potranno usufruire dei mezzi pubblici senza pagarli, la vita migliorerebbe anche per quelli che continuassero ad utilizzare il mezzo privato, potendo beneficiare probabilmente di minor traffico e maggiori possibilità di parcheggio.

 

Senza alcuna sorpresa il tema non è stato neanche preso in considerazione in ambito romano. Le ragioni possono essere da una parte la generalizzata incapacità a Roma di avere una visione futura della città (e larga responsabilità di questo non può che averla l’attuale amministrazione capitolina, che ha ucciso il dibattito pubblico), dall’altra la scelta del concordato in continuità ha fatto di ATAC una specie di morto vivente: odissea quotidiana (citazione dall’ottimo blog omonimo) per gli utenti e impresa di trasporti modello per l’amministrazione; in tali condizioni affrontare un tema complicato come il rendere gratuito il trasporto pubblico in città è oggettivamente difficile.

E dire che la prima volta che abbiamo affrontato l’argomento è stato in occasione del lancio a Parigi di un pubblico dibattito proprio sulla possibilità di rendere gratuiti i trasporti in città. Beati i parigini che hanno la possibilità di influenzare le scelte dell’amministrazione, laddove a Roma al massimo i cittadini possono divertirsi a proporre e votare idee per il PUMS salvo poi vederle ignorate dall’amministrazione.

 

 

Proviamo a tornare sul tema della gratuità del trasporto pubblico in occasione dell’entrata in vigore della misura per un intero stato, il primo al mondo. Si tratta del Lussemburgo, dove dal 1 marzo i trasporti pubblici sono gratuiti per tutti, cittadini residenti e turisti.

Come detto, si tratta del primo stato al mondo che introduce una tale misura in tutto il suo territorio, anche se, trattandosi del Lussemburgo, l’estensione territoriale è più simile a quella di una grande città (il territorio del Lussemburgo è circa il doppio di quello di Roma ma la popolazione è meno di un quarto, intorno ai 600mila abitanti).

 

 

In Lussemburgo la congestione da traffico veicolare è un problema da anni, dovuto anche alla più alta concentrazione di veicoli per abitante in ambito europeo; nel granducato vi sono 670 auto ogni 1.000 abitanti, seconda è l’Italia con 625/1.000.

La gratuità del trasporto pubblico è però stata introdotta maggiormente come misura sociale, per tentare di fermare il continuo incremento della distanza tra i cittadini più ricchi e le classi meno agiate. Quella per il trasporto è infatti una spesa consistente per i cittadini a più basso reddito, che saranno quindi quelli che più beneficeranno della misura.

 

Ovviamente c’è anche l’obiettivo di convincere quanti più cittadini possibile a lasciare il mezzo privato per spostarsi con quello pubblico, ma alcuni studi hanno dimostrato che la gratuità non è uno stimolo efficace, mentre lo sono molto di più misure come l’aumento del costo dei parcheggi o le congestion charging.

Elementi indispensabili per convincere le persone a scegliere sempre di più i mezzi pubblici sono comunque la loro efficacia, affidabilità e comfort, tutti elementi su cui a Roma siamo in grandissima sofferenza.

 

Nel pezzo già linkato Mercurio Viaggiatore ha delineato quali potrebbero essere le possibilità per passare al trasporto gratuito anche a Roma, segnalando ad esempio l’impossibilità, per vincoli normativi, di prevedere la gratuità solo per i residenti di Roma, come ad esempio avviene a Tallin (Estonia) dal 2013 o Dunkirk (Francia) dal 2018.

Un sistema per aggirare l’ostacolo potrebbe essere quello di rivedere le tariffe, ad esempio si potrebbero fare abbonamenti solo annuali a 36€ per tutta la rete di superficie, e di 50€ incluso il metroferro, portando il costo dei singoli biglietti a 3€“, scriveva Mercurio Viaggiatore nel 2018, dimostrando che una misura così avanzata come la generalizzata gratuità del trasporto pubblico a Roma è qualcosa di realistico da poter prendere in seria considerazione.

 

Potrebbe anche essere un tema su cui dibattere in questo periodo di emergenza, dove tutti siamo costretti a rimanere a casa ma con la tecnologia che consente di tenere dibattiti in maniera remota.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#assembleacapitolina ha votato su modifica @ACoS_Roma: mandato due anni con rinnovo automatico cariche, per studiare questione compenso da norma nazionale @thegoodlobbyit, @openpolis, @Cittadinanzatti,@DD_Forum,@PortavoceFtsl, @MercurioPsi, @diarioromano Retweeted by diarioromano

Magazzino in strada in zona centrale? A Roma nessun problema. A via Torino c’è l’ennesimo magazzino in strada, probabilmente di qualche attività ambulante sulla strada. C’è da scommettere che nessuna forza dell’ordine si sia accorta della cosa #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Magazzino in strada in zona centrale? A Roma nessun problema.

A via Torino c’è l’ennesimo magazzino in strada, probabilmente di qualche attività ambulante sulla strada. C’è da scommettere che nessuna forza dell’ordine si sia accorta della cosa
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rd5w1kHE9A

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close