Discarica rifiuti abusiva2

Discarica rifiuti abusiva

Discarica rifiuti abusiva3

Discarica rifiuti abusiva4

 

 

L’articolo potrebbe finire qui. Alle foto non servirebbe aggiungere altro se non fosse che siamo a 100 metri dalla stazione Tiburtina, in un luogo frequentato da decine di migliaia di romani e turisti ogni giorno. E c’è da augurarsi che turisti non ne passino perché l’immagine di Roma sarebbe per sempre compromessa ai loro occhi.

Da quando è stato aperto il nuovo tunnel che passa sotto il fascio di binari della stazione Tiburtina, la vecchia Tangenziale Est è stata abbandonata ancor di più di quanto già non lo fosse prima. Sotto i ponti non è raro trovare accampamenti di persone sicure che nessuno li manderà mai via mentre i sottopassaggi sono diventati delle latrine o delle discariche.

Cosa fare del vecchio tracciato della tangenziale, nel tratto che va da via Livorno alla stazione Tiburtina e tra Batteria Nomentana e via Lanciani non lo sa nessuno. Due bellissimi progetti di trasformarla in un parco lineare sul modello della Highline di New York, una vecchia ferrovia urbana oggi polo di attrazione, sono rimasti sulla carta. La cronica mancanza di fondi, ma soprattutto di idee e di progettualità non rendono possibile ridare vita ad interi quartieri che hanno subìto per decenni le auto quasi dentro casa, su modello fantozziano.

Nuova sfida, per il nuovo sindaco. Che di gatte da pelare ne avrà tante ma che potrebbe lasciare un segno indelebile della sua elezione se fosse in grado di trovare sponsor e fondi privati (e non è affatto difficile) per realizzare un’opera pubblica che renderebbe più bello e vivibile un quadrante di città e che risolverebbe a monte il problema delle discariche abusive come questa che vi abbiamo mostrato oggi.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »