Suolo pubblico requisito sfrattando i pedoni in mezzo alla strada!

La proroga della normativa emergenziale per le OSP non c'entra nulla con centinaia di casi di criminale sequestro di marciapiedi e passaggi pedonali. Cosa aspetta l'amm.ne a intervenire con decisione ed efficacia?

Nuova proroga della normativa emergenziale in materia di OSP, inserita dal governo Meloni nella legge di bilancio approvata a fine 2022.

La possibilità di superare alcuni dei limiti previsti dalle normative per l’utilizzo del suolo pubblico è stata questa volta prorogata al 30 giugno 2023 ed è facile prevedere che all’approcciarsi di quella data si alzeranno alte le grida degli esercenti per ottenere un nuovo rimando che, scommettiamo fin d’ora, arriverà fino a fine 2023.

 

Come però abbiamo cercato di spiegare a ottobre scorso, quando fu decisa la proroga della normativa emergenziale fino al 31 dicembre 2022, il problema centrale delle OSP a Roma non è tanto quello che la normativa emergenziale consentirebbe, bensì il fatto che le modalità applicative scelte dall’allora amministrazione Raggi hanno generato centinaia, probabilmente migliaia, di situazioni illecite che continuano ad essere difficilmente reprimibili.

Il combinato disposto di un numero enorme di OSP illecite (i pochi controlli che vengono effettuati trovano sempre percentuali di abusivismo tra il 70 e il 100%!?!), di uffici commercio sommersi di pratiche (in Municipio I, il più impattato, la carenza di personale è drammatica) e di una Polizia Locale che brilla per inefficacia ed inefficienza, ha generato una miriade di situazioni in cui il suolo pubblico è stato requisito senza averne titolo, spesso creando problemi di sicurezza per la mobilità pedonale.

Le immagini che seguono mostrano una serie di locali nei pressi di via della Scrofa (non lontano dalla sede dell’attuale partito di maggioranza relativa in Parlamento) che hanno requisito in toto, o fortemente ridotto, lo spazio riservato al transito dei pedoni costringendo questi ultimi a transitare in promisquità con gli autoveicoli, con tutti i rischi e i fastidi del caso.

 

Via D’Ascanio, spazio pedonale completamente requisito

 

Via dei Prefetti, spazio pedonale completamente requisito 24h su 24 da una pizzeria a taglio!?!

 

Via dei Prefetti, spazio pedonale completamente requisito da un boutique hotel

 

Via della Scrofa, oltre alla pedana il locale occupa più della metà del già piccolo marciapiede

 

Via di Ripetta, oltre la metà del marciapiede sottratto al transito pedonale

 

Questi sono solo alcuni esempi di patenti abusi di occupazioni di suolo pubblico presi in un quadrante molto piccolo del centro storico; si provi ad immaginare l’entità del problema su tutto il resto dell’area centrale.

Un’amministrazione capitolina che avesse a cuore la sicurezza dei cittadini e il rispetto delle regole di una civile convivenza non tollererebbe neanche per un giorno situazioni del genere, dove la prepotenza degli esercenti costringe le componenti deboli della strada a transitare in commistione con i veicoli.

Un’amministrazione che avesse a cuore uno sviluppo armonico del commercio cittadino darebbe segnali chiari a certi esercenti affinché capiscano che se le condizioni non lo permettono non c’è alcun diritto divino a mettere arredi esterni.

 

Invece a Roma ci ritroviamo con l’ennesima amministrazione capitolina che da una parte sbandiera iniziative straordinarie per reprimere gli abusi, con risultati praticamente nulli, dall’altra strizza l’occhio agli esercenti lasciandogli fare i propri interessi anche a discapito di tutti gli altri cittadini.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close