Sulla riforma dei cartelloni il comune vince un primo round al Tar

San Giovanni di Dio dic 14

E’ un altro round vinto dal Campidoglio nella complessa partita di riforma della cartellonistica pubblicitaria a Roma.

Si tratta della delibera 380/2014 che, sul blog bastacartelloni avevamo anticipato sotto capodanno, cioè il provvedimento con il quale il Comune ha dato incarico ad Aequa Roma di predisporre i piani di localizzazione e ne ha stabilito i criteri. Sono i piani che decidono strada per strada e zona per zona dove saranno installati i cartelloni dopo l’aggiudicazione dei bandi.

Una importante ditta, la Clear Channel Affitalia, ha deciso però di impugnare al Tar sia questa delibera, sia l’intero provvedimento sul Prip e sul Regolamento. Il Tar, per ora, si è espresso sulla delibera 380 e ha respinto l’istanza della Clear Channel (cliccare qui per scaricare l’ordinanza del Tar). Sono molti i ricorsi presentati da diverse ditte contro le delibere del luglio scorso con le quali furono approvati il nuovo Piano Regolatore della Pubblicità e le modifiche al Regolamento. Le associazioni cittadine ritengono siano ricorsi strumentali, preparati dalle ditte per bloccare il processo che porterà ad una svolta in questo settore.  E’ per questo che Vas, Bastacartelloni e Cittadinanzattiva si sono costituite a fianco del Comune appoggiate dagli avvocati delle associazioni IIca e Cild.

La decisione del Tar è stata apprezzata dall’assessore Leonori: “Dopo questo pronunciamento siamo ancora più determinati. Ora i piani e poi le gare“. E in effetti le gare dovranno essere indette in tempi rapidi se si vuole arrivare al Giubileo del 2016 con una città più ordinata e magari anche con qualche servizio tipo bike sharing e toilette pubbliche. E’ solo grazie a questa riforma infatti che Roma potrebbe avere le biciclette collettive, ormai presenti in quasi tutte le grandi città.

I Piani di localizzazione sono stati consegnati da Aequa Roma negli scorsi giorni. Ora dovranno passare al vaglio dei Municipi e poi saranno definitivamente in vigore. Si spera che questi ulteriori passaggi siano compiuti in poche settimane.

Il nuovo round sarà ancora davanti al Tar il 20 maggio. In quell’occasione si discuteranno appunto i ricorsi proposti da molte ditte. Il Campidoglio arriverà al dibattimento, oltre che con l’appoggio delle associazioni cittadine, anche con questa ordinanza favorevole. E i giudici amministrativi dovrebbero valutarla come precedente di cui tenere conto.

Sullo stesso tema vi invitiamo anche a leggere l’articolo pubblicato sul sito romano di Vas.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu

A Roma i #disabili non esistono! Anche quest'anno la Giornata Internazionale delle persone con #disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti 👇📰 diarioromano.it/a-roma-i-disab…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close