Stop al parcheggio selvaggio dell’Ama in via Portuense

Siamo spesso portati a prendercela con i lavoratori dell’Ama se Roma è sporca più di una periferia di Calcutta. Ma è anche vero che gli operatori dell’azienda si trovano a lavorare in condizioni disastrose. Le spazzatrici non funzionano, la manutenzione dei mezzi è scarsa. Insomma l’Ama ha grossi problemi strutturali che non è giusto scaricare solo sulle maestranze. Proprio in queste ore la Cgil ha pubblicato un video che racconta alcune cose interessanti sui motivi per cui Roma gronda di rifiuti.

D’altro canto occorre riconoscere che molti dipendenti hanno poca voglia di lavorare e basta osservarli mentre sono in strada per verificare che il loro livello di impegno è davvero basso.

Perché questa premessa un po’ banale? Qualche giorno fa siamo stati chiamati da un cittadino che voleva denunciare alcune criticità in via Portuense. Tra queste il parcheggio sul marciapiede (in divieto!!) di numerosi mezzi Ama che ormai da diverso tempo stazionano di fronte l’ingresso dell’ospedale Spallanzani, lasciando liquami e macchie d’olio nello spazio dove dovrebbero camminare i pedoni.

Furgoni Ama sosta vietata 2

Furgoni Ama sosta vietata 5

 

Mentre scattavamo alcune fotografie siamo stati avvicinati da un paio di operatori Ama i quali ci hanno chiesto perché stessimo fotografando i mezzi. Gli operatori hanno ammesso che lì i camioncini non potrebbero sostare ma non sanno neanche dove metterli, dato che l’area dedicata non è sufficiente e il parcheggio interno è piccolissimo, massimo per due furgoni. E’ scattata la solita frase “i problemi sono altri“, con un lungo elenco di lamentazioni, spesso sacrosante, sulle persone che gettano tutto accanto ai cassonetti e sulla vetustà dei mezzi.

Cercando di essere i più obiettivi possibili, diamo ragione agli operatori che ci hanno avvicinato, ma riguardo al parcheggio sul marciapiede non possiamo stare dalla loro parte.

Furgoni Ama sosta vietata 3
Olio e liquami lasciati sul marciapiede

Furgoni Ama sosta vietata 6

Furgoni Ama sosta vietata 4bis
Le auto private ovviamente seguono il cattivo esempio

Furgoni Ama sosta vietata

 

Ci rivolgiamo dunque al Municipio (al quale invieremo la segnalazione) perché prenda dei provvedimenti. O si riduce il marciapiede dedicando uno spazio alla sosta dei furgoni o si delimita con strisce gialle un tratto di via Portuense.

Questa convivenza pedoni/furgoni non può andare avanti a lungo. E sebbene “ci siano  problemi maggiori” dei quali siamo consapevoli, pensiamo che occorra cominciare a risolvere quelli minori. Per cui stop al parcheggio selvaggio dell’Ama in via Portuense.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close