Stazione San Giovanni: per un comodo collegamento tra linea A e C almeno altri tre anni

Oggi i passeggeri devono salire e scendere due piani perché i corridoi non sono utilizzabili. Un accordo tra Comune e Ministero pone scadenze certe. Anche per i 6 nuovi treni della C

Chi non utilizza la metro C a san Giovanni non sa che per scambiare con la linea A occorre salire al livello atrio e poi riscendere per raggiungere i treni. Eppure si tratta di un’unica stazione nata proprio come luogo di scambio tra le due linee. Ma questo “nodo” – annunciato più volte negli anni – non sarà pronto prima della fine del 2025. A rivelarlo è Salviamo la Metro C, la pagina Facebook molto attiva in tema di trasporti capitolini, che ha esaminato l’accordo stretto i primi di agosto tra Comune di Roma e Ministero delle Infrastrutture.

Il documento stabilisce delle date limite anche per l’acquisto di nuovi treni destinati alla C: i sei nuovi convogli, per un costo di 72 milioni, dovranno entrare in servizio necessariamente entro dicembre 2025, altrimenti i fondi torneranno al mittente. Stessa sorte per l’apertura del nodo di scambio tra linea A e C a San Giovanni: costo 11 milioni e mezzo per l’adeguamento degli impianti antincendio che dovrà essere terminato entro ottobre 2025.

Dunque ancora due anni e due mesi (ma probabilmente tra collaudi e test saranno molti di più) per un banale scambio che agevolerà la vita di migliaia di pendolari ogni giorno. Viene da sorridere leggendo articoli di qualche anno fa nei quali si prometteva l’apertura dello scambio entro il 2020. Qui sotto per esempio un lancio dell’Agenzia Dire del 27 giugno 2017 nel quale un dirigente di Atac affermava che i lavori sarebbero terminati in tre anni (cliccare sulla foto per l’articolo completo).

La questione non è di poco conto. Nelle ore di punta occorrono fino a 10 minuti per arrivare sulla banchina della A provenendo dalla C perché il percorso è lungo e farraginoso. Occorre salire due piani, uscire dai tornelli, ridiscendere due piani. Tutto questo attraversando la folla che spesso si forma nei momenti di picco. In realtà fin dalla sua progettazione, la Stazione San Giovanni è stata dotata di diversi corridoi che permettono un collegamento diretto, senza dover fare le scale.

Perché questi corridoi non sono stati aperti fino ad oggi? Perché nel tempo sono cambiate le normative antincendio e occorre aggiornare il sistema di contenimento fumi, un’operazione in apparenza semplice ma quello che è semplice per una azienda qualsiasi non lo è mai per il Comune di Roma o per Atac. Inoltre va creato un atrio unico al piano mezzanino tra le due linee.

I corridoi sono attualmente nascosti da queste pareti in cartongesso sui quali sono stati installati dei monitor informativi (foto sotto, tratta da Salviamo la Metro C), ma una volta aperto il diaframma, tutto sarà più facile e immediato e i passeggeri potranno raggiungere i treni delle due linee in pochi istanti.

 

Fino ad oggi nessuno sapeva quando quest’opera sarebbe stata realizzata e ora finalmente abbiamo dei tempi certi. Si tratta di un periodo davvero lungo e poco digeribile per chiunque ma almeno c’è un’idea e soprattutto un impegno che il Comune ha preso col Ministero perché in caso di inadempienza i fondi andrebbero persi. Intendiamoci non è sicuro che per ottobre 2025 tutto sarà fruibile dagli utenti, ma certamente gran parte dell’opera sarà realizzata.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close