Sempre più Smart Road il GRA e la Roma-Fiumicino, ma la sicurezza stradale?

Le due arterie saranno dotate di tecnologie moderne per la gestione del traffico. Restano assenti controlli per la velocità e perfino per la sosta con auto ferme sulla corsia di emergenza

Nei prossimi giorni vi saranno nuovi interventi sulla Roma-Fiumicino nell’ambito del progetto per la creazione delle prime “Smart Road” italiane. L’autostrada A91, che collega Roma con l’aeroporto Leonardo Da Vinci, è infatti parte di quel progetto insieme al GRA e poche altre strade italiane.

Nello specifico, nei giorni tra lunedì 29 e mercoledì 31 agosto, tra le 22 e le 6, sull’autostrada A91 sarà interdetta al traffico la rampa di immissione di Parco de’ Medici.

Anche il GRA sarà interessato dall’intervento, con l’interdizione dell’uscita 30  “Roma Centro Magliana EUR” negli stessi giorni e orari.

 

Del progetto “Smart Road” di ANAS avevamo accennato lo scorso anno, chiedendoci come potesse conciliarsi il massimo dell’avanzamento tecnologico di un’autostrada con una pratica criminale come il fermarsi sulla corsia di emergenza per aspettare gli arrivi all’aeroporto.

Riproponiamo oggi la riflessione aggiungendo anche il fatto che sull’A91 si continua a correre all’impazzata grazie all’assenza dei controlli sulla velocità.

Lo stesso dicasi del GRA, dove è praticamente impossibile subire o assistere a qualsiasi tipo di controllo. Non c’è da stupirsi quindi del caso di poche settimane fa, con un ragazzo schiantatosi a 280 km/h mentre era alla guida di un’auto sportiva.
Chiunque conosca il Raccordo sa quanto sia possibile per chiunque percorrerlo a velocità anche folli senza rischiare di essere né multati, né fermati.

 

Quando il progetto “Smart Road” fu presentato dall’ANAS, nel 2018, i primi due dei quattro obiettivi principali erano:

1. Controllo del traffico attraverso la rilevazione e previsione del traffico, le prescrizioni sulla circolazione, la gestione della segnaletica dinamica.

2. Innalzamento della sicurezza stradale attraverso l’informazione agli utenti, la prevenzione dei comportamenti scorretti, la sicurezza preventiva cooperativa.

A distanza di anni, qualcuno ha notizia dei controlli delle prescrizioni sulla circolazione? Oppure azioni sulla prevenzione dei comportamenti scorretti?

Perché a Roma non si riescono a sfruttare le nuove tecnologie anche quando esse ce le ritroviamo quasi per caso grazie a qualche finanziamento europeo?

 

Possibile che, ad esempio, nonostante l’eclatante incidente di qualche settimana fa non sia cambiato nulla sul GRA?

Non potrebbe l’amministrazione capitolina sollecitare ANAS affinché vengano messe a disposizione delle forze dell’ordine eventuali funzionalità di controllo già rese disponibili dalle Smart road?

Oltre a ciò, pur sapendo che la competenza di queste strade è delle forze di polizia nazionali, cosa aspetta il sindaco Gualtieri a chiedere a Questore e Prefetto di istituire controlli efficaci?

E in ogni caso, perché non metterci qualche pattuglia della Polizia Locale sul GRA (pur con tutti i ben noti limiti della loro azione)?

 

Sulla sicurezza stradale a Roma siamo ancora all’anno zero, nonostante anche l’attuale amministrazione abbia fatto la sua passerella col delegato ONU Jean Todt.

Gualtieri evidentemente non ha idea della gravità della situazione e noi continuiamo a ritrovarci tra i pochissimi che provano regolarmente a squadernarla. Pur inascoltati, continueremo a farlo.

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Sarebbe anche il caso di dare seguito alle proposte della consulta cittadina per la mobilità.
    Le proposte ci sono (più di un centinaio) ma giacciono da qualche parte. Trovarle è anche un po’ complicato nei siti dell’amministrazione. Dagli interventi di moderazione del traffico, al rispetto dell’utenza più debole della strada alle isole ambientali e zone 30.
    Forse la stessa consulta è poco incisiva nell’interfacciarsi con l’amministrazione che probabilmente non ha entusiasmo nell’ ascoltare.
    Grazie a Diario Romano

    https://romamobilita.it/it/piani-progetti/sicurezza-stradale/consulta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria