Se vedrete ancora meno vigili del solito …

… sarà perché è partito il piano triennale di prevenzione della corruzione.

Dal sito internet del S.U.L.P.L. Roma prendiamo qualche stralcio di un post che annuncia la partenza di tale piano.

 

“Il 15 novembre comincerà il più corposo provvedimento di rotazione di appartenenti al Corpo della Polizia Locale di Roma secondo i criteri del piano triennale di prevenzione della corruzione approvato dal comune di Roma.

Circa 1000 appertenenti al corpo cambieranno le mansioni per andare a fare altro rispetto a quanto stavano facendo adesso.

Piano triennale che invece dovremmo chiamare annuale perchè siamo già, se non ricordiamo male, alla terza stesura in quasi tre anni.

[…]

Ora ci ritroveremo con il personale che il 15, senza alcuna formazione preventiva, si troverà ad affrontare materie nuove. Non pensate che sia semplice. Non significa solo affrontare una doppia fila. Significa trovarsi di fronte una discarica abusiva di materiale tossico non sapendo cosa fare; significa trovarsi davanti alla costruzione di una veranda su un terrazzo non sapendo cosa fare; significa trovarsi con una patente di guida nigeriana senza traduzione al volante di un veicolo bulgaro con assicurazione rumena che ha fatto un incidente con un tir turco con rimorchio greco non sapendo cosa fare.

Come se in un ospedale si spostasse da un giorno all’altro un ortopedico in neurologia ed un ginecologo in ortopedia.

Ci sarà un effetto onda inevitabile. Dopo essere arrivata sulla spiaggia l’onda si ritrae e questo fisiologicamente avverrà per la metà del corpo in questo periodo. Ci si ritrarrà per studiare il da farsi prima di sbagliare. Per umana prudenza. Per poi ripartire.

Qui sta la scommessa che si gioca sulle vite professionali degli appartenenti al corpo: si punta sulla rapidità di apprendimento di nuove materie in modo del tutto autonomo.

Il Comandante Porta evidentemente punta tutto su questo.

Avrà il punto in mano oppure sta bluffando?

Male che vada, in caso di fallimento, non sarà lui a lasciare il tavolo da sconfitto ma saremo noi operatori ad essere tacciati di non essere in grado di svolgere il nostro lavoro.”

 

Da rilevare che il post è stato pubblicato prima della conferma del Comandante Porta alla guida del corpo di Polizia Locale di Roma per i prossimi tre anni.

 

Noi siamo i primi a dire che ci sono spazi di miglioramento enormi nell’azione dei vigili romani, sia per quanto riguarda l’attitudine ed il comportamento dei singoli che per ciò che concerne l’organizzazione del corpo e dei servizi svolti.

Ma un organico molto al di sotto del previsto, iniziative garibaldine come la rotazione descritta sopra ed l’indicazione del Comandante Generale giunta dopo oltre quattro mesi dalle dimissioni del precedente fungono da straordinari alibi per gli agenti. Perché loro dovrebbero sbattersi tanto se chi dà gli indirizzi politici se la prende comoda?

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Finisce l’inverno e tornano le erbacce che nessuno estirpa.
In primavera occorre diserbo e manutenzione. Nella foto le aiuole di piazza Palombara Sabina dove non si fa alcun intervento.
#fotodelgiorno

#CheAriaFa a #Roma e nel #Lazio? Ieri 27/02/2024 nessuna centralina ha superato i limiti di legge per #pm10: https://www.arpalazio.net/main/aria/sci/qa/misure/PM10.php
@SNPAmbiente @ISPRA_Press @ConsiglioLazio #ARPALazio #Ambiente

Sanità: all’Idi un centro diagnostico tra i più moderni e avanzati.
Dopo l’esame, il paziente potrà essere subito visitato da un medico e indirizzato alla cura. Due nuove Risonanze e macchinari di ultima generazione.

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria