Scivolo disabili bloccato per 3 giorni. Ma le autorità pensano solo al virus

 

Il disabile che si vede nella foto è stato di fatto sequestrato dal proprietario di questa auto bianca. Bloccato su un marciapiede dissestato non è potuto passare con la sua carrozzina. Cliccate sulla foto per leggere la sua riflessione e per i dettagli.

Domenica 17 maggio, ore 19.00 L’auto è ancora in sosta selvaggia

 

Via Giuseppe Martucci, altezza civico 33, II Municipio. Uno scivolo realizzato su una larga “orecchia” come si chiamano in gergo gli ampliamenti dei marciapiedi per evitare la sosta selvaggia delle auto. Evidentemente, al proprietario di questa Kia bianca non importa nulla dello scivolo, delle “orecchie” e quindi di ingombrare la carreggiata, ma soprattutto non interessa nulla dei disabili che blocca con la sua arroganza e prepotenza.

L’auto è stata lasciata in questo modo incivile, venerdì 15 alla sera e domenica 17 maggio, alle ore 20.00 (mentre stiamo scrivendo questo breve articolo) è ancora lì. Su segnalazione del disabile che vedete nella prima foto, abbiamo chiamato la Polizia Municipale, ma prendere la linea col centralino o col Secondo Gruppo è difficilissimo.

La targa è stata schermata ma se le autorità ce la chiedono possiamo inviare la foto completa, senza cancellazioni.

La riflessione della persona che vedete in carrozzina è la seguente ed è molto amara: durante i due mesi di lockdown abbiamo visto polizia, carabinieri, vigili urbani, finanzieri presidiare il territorio con attenzione e maniacalità. Abbiamo visto multare persone perché facevano jogging sulla spiaggia (!), abbiamo osservato un elicottero inseguire e poi sanzionare un uomo che si era steso a prendere il sole (!!). Eppure violenze vere come questa, auto che bloccano la libera circolazione di persone malate o handicappate, non interessano a nessuno. Non vengono multate e la gente le liquida con una alzata di spalle.

Dove sono le casalinghe in finestra pronte a gridare “state a casa” a chiunque metteva il naso fuori dal portone? Per loro un gesto come questo merita una reprimenda sociale o è una questione minore di cui non tenere conto?

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Botteghe storiche e artigiani: un #patrimonio da salvare Il consiglio regionale approva la legge. #Formazione per i mestieri a rischio di estinzione e fondi per promuovere l'eccellenza. Ne sono rimaste 900: erano 5000 negli anni '90 solo in centro 👇📰 diarioromano.it/botteghe-stori…

Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. 

A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/bejgmcfB8y

#Trasporti. E se il PUMS andasse ripensato? Uno studio dell'Associazione Roma Ricerca Roma mette in evidenza i limiti del Piano e propone una #rivoluzione del ferro: 4 metro e tram. Ma non quello ai Fori... 👇📰diarioromano.it/trasporti-e-se… Retweeted by diarioromano

Il DG aveva detto a @rep_roma che avevamo 200 spazzatrici funzionanti, smentendo noi che sostenevamo ce ne fossero meno della metà operative. Nonostante il supporto di ditte private ancora c'è molto da fare. Vorremmo tanto credergli come fanno @Sabrinalfonsi e @gualtierieurope Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close