Salviamo il fico di via S. Giovanni in Laterano

Un albero spontaneo rischia di essere tagliato perché non incluso nei registri del Comune, mentre il leccio secco di p.za dei Cinquecento rimane lì

Da Paolo Gelsomini, animatore dell’associazione Progetto Celio, riceviamo e rilanciamo la storia seguente.

 

Un fico spontaneo che sta lì da una decina d’anni al punto di diventare una icona in quel tratto di via San Giovanni in Laterano priva di ogni presenza verde. Il fico è stato curato e protetto da un anonimo abitante che nel frattempo è morto. Anche il bar “Antica Roma” l’ha adottato proteggendo ulteriormente con il limite del piccolo spazio concesso ai tavolini dalla recente delibera comunale sulle OSP. Ma, come nelle favole, c’è sempre un lupo cattivo e così un altro abitante del popoloso condominio ha pensato bene di fare un esposto contro il fico che avrebbe ostacolato il posteggio handicap che in realtà sta a 15 metri dall’alberello.

La polizia locale ha fatto il sopralluogo ed ha visto che il fico occupava uno stallo dell’area riservata al parcheggio motorini. Questo è bastato per dare ordine di rimozione all’ufficio lavori pubblici del primo municipio.

Ma altri uffici della polizia di Roma Capitale hanno preso le distanze dicendo a voce che non era loro competenza ordinare l’abbattimento. D’altra parte il Dipartimento Tutela ambientale disconoscere l’esistenza del Fico perché è spontaneo e non è mai stato iscritto all’anagrafe degli alberi. Cosa che invece vorrebbe fare l’ufficio alberature del Comune ma il processo è lungo.

In questa dimensione Kafkiana ci siamo inseriti io come presidente dell’associazione Progetto Celio e Nathalie Naim come consigliera del primo municipio. Abbiamo scritto un po’ a tutti ed abbiamo telefonato al comando dei vigili per chiarire i contorni della assurda questione. I bravissimi gestori del bar Antica Roma hanno raccolto molte firme. Se non arriva un contrordine da parte dell’ufficio della polizia locale, il fico sarà abbattuto prima di ferragosto.

 

Una storia di ordinaria burocrazia, dove procedure stupide ignorano l’assurdità di rimuovere un albero che non dà fastidio a nessuno.

Probabilmente è la stessa stupidità procedurale che sta impedendo da anni la rimozione del leccio di piazza dei Cinquecento, quello che non risulta secco sui registri del Comune benché sia morto da molti anni.

Vogliamo scommettere che il fico di via S. Giovanni in Laterano finirà per essere tagliato mentre il leccio di piazza dei Cinquecento dovrà finire sulla testa di qualcuno per essere rimosso?

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Riaperto da questa mattina il Roseto Comunale. Accesso gratuito fino al 16 giugno tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Oltre a 1.200 tipologie di rose, un angolo è dedicato al concorso internazionale sulle nuove varietà #fotodelgiorno

Monopattini: lo sharing “alla romana” non sembra funzionare
Le tre società vincitrici del bando lamentano l’eccessiva onerosità delle corse gratuite per gli abbonati Metrebus. Ma perché a Roma non si fa come a Parigi o Milano?

Trenini in Metro: torna la mostra di modellismo ferroviario. Sabato 20, presso la fermata Malatesta della Linea C, immancabile esposizione di cimeli del trasporto e di modelli Dioarami. Dalle 9.30 alle 19.00 #modellismo #trenini #fotodelgiorno

Insediamenti sotto Ponte Salario: non si fa in tempo a sgomberare che ne appare un altro. L’area è costantemente abitata da senza tetto. A ridosso dell’Aniene un‘enorme discarica con rischio di grave danno ambientale. A #Roma sono ormai 300 le baraccopoli.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria