Salviamo Borgo Pio: una petizione per difendere il quartiere

Hanno creato un gruppo su Facebook e avviato una petizione che propone soluzioni al caos di Borgo Pio. Ci segnala il lavoro di questo comitato cittadino il signor Mario Lucio che è animatore del gruppo Facebook.

Borgo Pio – si legge nella nota di accompagno alla petizione – è uno dei quartieri più antichi di Roma, meta di migliaia di turisti ogni anno. Lo scopo della raccolta firme è suggerire soluzioni fattibili che possano riqualificare veramente l’area rendendola più vivibile e ordinata.

I cittadini chiedono che vengano eliminati i cassonetti da via dei Corridori, oggi causa di sporcizia a degrado. Al loro posto suggeriscono o i cassonetti interrati (soluzione auspicabile) o una raccolta porta a porta su modello parigino.

Seconda proposta riguarda la costruzione di parcheggi interrati in via del Mascherino, via dei Corridori o piazza Capponi. Al fine di liberare l’area dai pullman turistici.

Terza proposta è la pedonalizzazione di Borgo Pio per rendere la strada fruibile da residenti e turisti.

Si potrà essere d’accordo o meno con le idee di questa associazione di quartiere ma certamente l’impegno che ci viene messo è lodevole e va in qualche modo supportato. Anche perchè il signor Mario Lucio ha fotografato in questi mesi tante situazioni di degrado. Vi riportiamo qui sotto alcune immagini significative.

 

Borgo pio cassonetti sul marciapiede
Cassonetti sul marciapiede e pedoni in strada!!!!

 

Borgo pio rifiuti
Rifiuti ovunque

 

Borgo Pio scivolo disabili
Scivolo per disabili…….che saltano

 

Borgo pio Sosta selvaggia 2
Sosta regolare!!

 

Borgo Pio incuria
Incuria notturna

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »