Saldi: buoni affari soprattutto per bancarelle e abusivi

bancarelle-flaminio

 

Dopo i primi giorni di saldi si iniziano a trarre dei bilanci provvisori. Al di là delle consuete lamentele di commercianti e imprenditori un dato resta in primo piano: gli ambulanti sottraggono clienti ai negozi soprattutto in questo periodo. E in particolare gli abusivi operano una concorrenza sleale che provocherà ulteriori chiusure nel campo moda e abbigliamento.

Secondo Valter Gianmaria gli abusivi superano le 8mila unità solo nelle zone più centrali e salgono a quasi 20mila se si considera l’intero territorio comunale. Un esercito al quale il presidente di Confesercenti imputa la chiusura di mille negozi nel settore moda nel solo 2016. I consumatori, infatti, osservano guardinghi le vetrine per verificare che siano stati applicati dei reali sconti, ma poi si voltano dall’altra parte e trovano i classici lenzuoli coperti da borse di Gucci, portafogli di Hermes, cinture di Prada. Tutto rigorosamente made in Cina o India (a volta anche in Campania) sfruttando manodopera minorile, senza alcuno smaltimento corretto dei materiali tossici.

abusivi-flaminio

 

Il quotidiano Il Tempo ha percorso le principali vie dello shopping cittadino tra sabato e domenica, contando una infinità di abusivi. Viale Marconi, via Tuscolana, via Ottaviano e così via. Ma i passanti, intervistati dalla giornalista del Tempo, si sono lamentati molto anche per le bancarelle autorizzate: “Spesso si allargano a tal punto che non si riesce più a passare sui marciapiede”, hanno dichiarato diverse persone che passeggiavano su viale Marconi. Dunque il tema dell’ambulantato resta legato a doppio filo tra abusivi e regolari, con i secondi a far da padrone su tutti i marciapiedi di Roma. “Se non ci fossero loro – assicura Massimiliano De Toma di Federmoda Confcommercio – gli affari per i negozi andrebbero molto meglio”.

Le associazioni di categoria dei commercianti chiedono alla Sindaca e all’assessore Meloni il ritorno della polizia annonaria, un corpo soppresso diversi anni fa e dedicato proprio al rispetto delle regole nel commercio. D’altronde una stretta su bancarelle regolari e venditori abusivi è indispensabile: dopo la proroga dell’entrata in vigore della direttiva Bolkestein al 1° gennaio 2019, è probabile (anzi certo) che a Roma nulla cambierà nei prossimi due anni. Un tempo lunghissimo durante il quale il Campidoglio potrebbe effettuare controlli sui banchi che appendono la merce agli ombrelloni, usano gruppi elettrogeni inquinanti, parcheggiano il furgone in doppia fila e evadono il fisco. Riportare legalità nel settore porterebbe benefici a tutto il commercio romano, dato che oggi ben 4 prodotti su 10 vengono venduti in strada da ambulanti più o meno regolari.

La classe politica romana sembra non prestare attenzione al problema. Nella precedente consiliatura l’assessore Leonori aveva intrapreso un percorso virtuoso censendo, per la prima volta, gli ambulanti. L’attuale giunta sembra invece del tutto schierata con i bancarellari, essendosi battuta per un rinvio sine die della Bolkestein. In Assemblea Capitolina si sta distinguendo Alessandro Onorato, della Lista Marchini, che ha fatto dura opposizione alle scelte pentastellate a favore delle bancarelle e che non ha mancato di sottolineare l’assurda situazione dei saldi con i negozi vuoti e le bancarelle straripanti

onorato-tweet

 

Fare impresa a Roma risulta sempre più difficile a meno che non si faccia parte di potenti lobbies che possono permettersi di non rispettare le regole. In nessun’altra città d’occidente vi sono così tanti ambulanti, regolari o abusivi. Una peculiarità che si avverte a Roma soprattutto durante i saldi.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close