Ancora un temporale a Roma ed ancora allagamenti, stazioni della metropolitana chiuse, alberi crollati, linee tramviarie interrotte, disagi generalizzati.

Qualche immagine.

 

Foto da La Repubblica

 

Foto da La Repubblica

 

Foto da La Repubblica

 

Foto da La Repubblica
Immagini da sede AMA: quelli che i tombini dovrebbero sturarli non sanno farlo neanche a casa loro

 

Che ai vigili spettasse anche la pulizia dei tombini ci mancava …

 

 

Vista la coincidenza temporale non possiamo non mettere in relazione questa ennesima caporetto cittadina con quanto sta accadendo in Kerala a causa dei monsoni. Un paio di immagini.

 

 

 

Si converrà che queste ultime immagini sarebbero potute essere prese a Roma nella giornata di ieri. Peccato che le due situazioni, a Roma ed in Kerala, abbiano almeno un paio di differenze sostanziali.

La prima è che nel sud dell’India ci sono i monsoni, un tipo di precipitazione che causa piogge torrenziali difficili da gestire, mentre a Roma nonostante si parli ormai quotidianamente di “bombe d’acqua” si tratta di banali temporali più o meno intensi.

La seconda differenza consiste nel fatto che mentre a Roma nel VI° secolo a.C. si costruiva la Cloaca Massima, in Kerala al tempo “… ancora si dipingevano la faccia di blu” (per dirla con Sordi).

Detta in altri termini, da ben oltre 2000 anni a Roma si è riusciti a controllare le acque, almeno nei casi più o meno normali, mentre con quelli che prendevano in giro gli altri accadono cose inenarrabili ad ogni precipitazione.

 

Non staremo qui a ricordare l'”azione devastante” di pulizia dei tombini promessa dal M5S nei primi 6 mesi di governo, oppure gli innumerevoli hashtag utilizzati contro il Sindaco Marino quando a Roma pioveva.

Vogliamo solo sapere come diavolo sia possibile che perdurando la vergogna di una città in ginocchio appena fa due gocce, nessuno dell’amministrazione senta il bisogno, diremmo meglio la decenza, di presentare delle dimissioni.

Abbiamo ormai capito che la giunta Raggi è un coacervo di irresponsabili, in senso etimologico, ossia di persone che la responsabilità per le proprie azioni (o non azioni) non sanno neanche dove stia di casa. Ma qui ormai siamo a livello di mera decenza.

 

Sarà forse l’assessore Montanari a dover mettere a disposizione il proprio mandato per aver distratto risorse preziosissime ad allestire l’inutile Spelacchia invece che assicurare una decente pulizia di tombini e caditoie?

Oppure dovrebbe essere l’assessore Gatta a tornare alle sue amene occupazioni pre-incredibile-incarico-da-assessore, visto che non è in grado di mantenere in condizioni accettabili neanche le parti centrali della città?

 

Ma, su tutti, non si rende conto il Sindaco Raggi che non si può continuare a far finta di niente di fronte a tali disastri e che qualche gesto di discontinuità è indispensabile?

E no, probabilmente no, non se ne rende conto e questo è il più grande dei problemi.

L’attesa per il 10 novembre si fa sempre più spasmodica.

 

 

P.s.: in un tale disastro continua a brillare la totale assenza a Roma di un’opposizione minimamente rintracciabile, con in particolare i quadri del PD in Assemblea Capitolina, l’ignaro capogruppo Pelonzi e gli abusivi (da Statuto del PD) Giachetti e Di Biase a godersi delle immeritate vacanze.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Se mai ci sarà una gara pubblica per il servizio di trasporto pubblico a Roma, sono certo che a vincerla sarà l’azienda che gestisce i trasporti a Venezia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Roma ha un nuovo sindaco, ora occorre un nuovo modo di governare. L'elezione di #Gualtieri col 60,2% contro il 39,8 di Michetti. Ora un cambio di registro che coinvolga quanti più cittadini e risorse civiche. Basta annunci in stile #Raggi... 👇📰 diarioromano.it/roma-ha-un-nuo…

Presenze a via dei Funari. Guidando per via dei Funari puoi imbatterti in un monopattino lasciato in mezzo alla strada e in una dependance sul portone della chiesa del XVI secolo. Normalità nella Roma del 2021. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Presenze a via dei Funari.

Guidando per via dei Funari puoi imbatterti in un monopattino lasciato in mezzo alla strada e in una dependance sul portone della chiesa del XVI secolo. Normalità nella Roma del 2021.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/fmrtHYxhB5

Il rifacimento di piazza Venezia è tutto sbagliato! Rifatta la pavimentazione della piazza ma senza modificare la distribuzione degli spazi, troppo angusti per i #pedoni, eliminando alcuni attraversamenti e dimenticandosi di #bici e #monopattini... 👇📰 diarioromano.it/il-rifacimento…

Anastasio II: nuovo spartitraffico Il vecchio guard rail arrugginito è stato sostituito nel tratto finale della strada, altezza p.zza Pio XI. Attesa la riqualificazione anche della parte precedente verso Cipro. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Anastasio II: nuovo spartitraffico

Il vecchio guard rail arrugginito è stato sostituito nel tratto finale della strada, altezza p.zza Pio XI. Attesa la riqualificazione anche della parte precedente verso Cipro.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/RGM1OkjQPn

Palazzo Rivaldi arriva la svolta: 40 milioni per il #restauro. Firmato l'accordo tra Ministero e Regione per la rinascita del magnifico edificio sui Fori Imperiali, chiuso da anni. Obiettivo: aprirlo entro il #Giubileo... 👇📰 diarioromano.it/palazzo-rivald…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close