Roma agricola – Agricoltura Capodarco

Una sede storica a Grottaferrata ed una a Roma. Agricoltura affiancata a servizi sociali, con particolare attenzione alla valorizzazione del territorio e alle pratiche ambientali sostenibili

I nostri sensi si affinano, cerchiamo spazio, aria più leggera, profumi, colori, sapori più veri. Il verde è magnetico, la rigenerazione un mantra.

 

Come quarta tappa della nostra panoramica esploriamo Agricoltura Capodarco, una cooperativa sociale che si sviluppa in due diverse sedi: una storica a Grottaferrata, nei pressi dell’abbazia di S. Nilo, e la seconda a Roma in via della Tenuta della Mistica, tra Tor Sapienza, Tor tre Teste e Torre Maura.

 

 

Nasce nel 1978 dalla Comunità di Capodarco di Roma, ad opera di Don Franco Monterubbianesi, ma poi si focalizza sull’attività agricola. Il terreno fu donato dalle suore francescane a Don Franco. La sede di Grottaferrata si sviluppa su 2 ettari, a cui si aggiungono 7 ettari di vigneto e 4 di uliveto.

Agricoltura Capodarco, casa famiglia Milly e Memmo ed il Centro di Formazione Professionale Capodarco sono le tre realtà che, facendo cose diverse, collaborano sinergicamente in questa sede, occupandosi principalmente di inclusione sociale e formazione professionale attraverso l’agricoltura biologica.

Sempre qui, il Viva-io è un laboratorio organizzato e gestito dalla cooperativa in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale – ASL RMH1: è un Laboratorio sociale florovivaistico per persone con disabilità psichica e mentale.

 

 

 

Oltre ad uno spazio dedicato agli animali ed un oliveto, ci sono anche i vigneti e la cantina: il vino è stato scelto come prodotto identificativo della comunità, sia per la compatibilità nella zona geografica dei Castelli Romani, e sia perché la bottiglia è un ottimo mezzo per raccontare la storia della comunità e far viaggiare il loro messaggio. Vendono i diversi tipi di vino bianco e rosso, attraverso i propri punti vendita, enoteche, Gruppi di Acquisto Solidale e la piattaforma digitale Gioosto.

 

 

L’altra loro sede di Roma, in via Tenuta della Mistica, nasce nel 1978, dopo aver ottenuto in affidamento 33 ettari di terre da Roma Capitale, e sottraendole anche in questo caso alla speculazione edilizia. Qui ci sono due casali rurali, in uno il punto vendita con bistrot e nell’altro il ristorante.

 

Oltre all’oliveto, in campo vengono coltivati molti diversi ortaggi: ci sono un campo di carciofi, delle serre fredde, tante verdure a foglia verde e qualche albero da frutta.

 

Tutti i prodotti si possono acquistare presso i punti vendita in entrambe le sedi e vengono anche consegnati a casa, nelle zone limitrofe. Nella bella stagione vengono organizzati anche eventi ed agri-aperitivi estivi!

 

In generale la cooperativa svolge azioni socio-sanitarie affianco all’agricoltura, beneficiando degli effetti terapeutici del contatto con il verde, ed è in tutto ciò supportata da figure professionali formate e con esperienza in questo ambito. Propone il lavoro come mezzo di riscatto della propria identità e libertà, offrendo servizi sociali con particolare attenzione alla valorizzazione del territorio e alle pratiche ambientali sostenibili!

 

Per una visita:

  • In entrambe le sedi troviamo un ristorante (a Grottaferrata anche pizzeria) e il punto vendita aziendale dove poter acquistare prodotti propri ed anche esterni selezionati.
  • Al Viva-io è possibile acquistare le piante e lavori floreali realizzati dai ragazzi della comunità!

 

 

 

Per info e aggiornamenti:

https://www.comunitadicapodarco.it/sede-principale/comunita-di-capodarco-di-roma/

http://www.agricolturacapodarco.it

https://www.facebook.com/agricolturacapodarcocooperativasociale/

https://www.facebook.com/agricolturacapodarcomistica/

 

 

 


Le altre tappe di Roma agricola

La Cooperativa Agricola Coraggio

La Cooperativa CO.BR.AG.OR

La Cooperativa Agricoltura Nuova

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La movida provoca due problemi: caos e sporcizia in strada. Ecco come risolvere il secondo. La presidente del I Municipio @lorenzabo vuole vietare l’alcol da asporto. Ma c’è un metodo più efficiente: il DRS per il #riciclo di plastica e vetro

Riaperto da questa mattina il Roseto Comunale. Accesso gratuito fino al 16 giugno tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Oltre a 1.200 tipologie di rose, un angolo è dedicato al concorso internazionale sulle nuove varietà #fotodelgiorno

Monopattini: lo sharing “alla romana” non sembra funzionare
Le tre società vincitrici del bando lamentano l’eccessiva onerosità delle corse gratuite per gli abbonati Metrebus. Ma perché a Roma non si fa come a Parigi o Milano?

Trenini in Metro: torna la mostra di modellismo ferroviario. Sabato 20, presso la fermata Malatesta della Linea C, immancabile esposizione di cimeli del trasporto e di modelli Dioarami. Dalle 9.30 alle 19.00 #modellismo #trenini #fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria