Rimozione degli alberi caduti. Ci si mette pure la magistratura a bloccare la pulizia delle strade

Decine di rami rimasti in terra e sequestrati senza un reale motivo. Bene l'inchiesta ma non a danno del decoro. Il caso di via di Villa Chigi

 

Non bastano le auto in sosta vietata a rendere difficile salire sull’autobus. In questa fermata di via di Villa Chigi una montagna di rami accatastati impedisce il passaggio sul marciapiede. In terra, coperto da escrementi e sporcizia, un avviso che spiega perché i tronchi stanno così da mesi.

Un sequestro giudiziario impedisce all’Ama o al Servizio Giardini di rimuovere questa robaccia e la scena si ripete poco più avanti, sempre in via di villa Chigi dove altre due montagne di rami secchi e sporcizia ingombrano la strada, levano posti auto regolari e sono un ulteriore colpo al decoro cittadino.

 

Qui l’avviso di area sottoposta a sequestro si legge meglio ma non spiega la “ratio” di un provvedimento che impedisce di pulire una strada.

L’inchiesta è stata aperta dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo e dalla pm Clara De Cecilia e punta a individuare eventuali responsabili di disastro colposo. Troppi alberi che cadono a Roma, troppi rami che precipitano sulle auto in sosta e purtroppo anche sulle persone. Incidenti provocati dalla cattiva manutenzione della vegetazione e dalle mancate potature. Un’indagine della magistratura è utile e ci auguriamo possa raggiungere conclusioni importanti. Ma il sequestro di decine di alberi caduti che rischiano di restare sul territorio per anni dovremmo proprio evitarcelo.

E’ probabile che la Procura voglia accertare l’età degli alberi, il loro stato di salute prima che rovinassero al suolo e dunque voglia sottoporre i resti a una perizia. Ma se anche così fosse, tale perizia deve essere svolta in fretta altrimenti rischia di non essere ritenuta più valida. Se trascorre troppo tempo, i rami lasciati seccare sotto le intemperie non potranno raccontare più nulla del proprio passato. Insomma ai fini dell’indagine sarebbe più utile portare via qualche pezzo e custodirlo in un magazzino piuttosto che lasciarlo in mezzo alla strada per mesi.

E invece tutto resta così, aumentando quella sensazione di degrado e abbandono che ci circonda oltre al disagio provocato a pedoni e automobilisti. In tutta Roma sono circa 100 gli alberi crollati sottoposti a sequestro: 100 cataste che non possono essere rimosse senza il via libera di piazzale Clodio che ci auguriamo arrivi in fretta.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »