Riceviamo e pubblichiamo – Una vicenda Kafkiana sulla “Vespa Orientalis”

Passano le amministrazioni, ma un cittadino che chiede sia affrontato un problema, continua ad essere vittima di inutili scaricabarile tra le istituzioni comunali

Pubblichiamo il racconto alquanto paradossale di una cittadina che prova a darsi da fare per richiamare le istituzioni sul problema della “verspa orientalis”.

 

 

Non so se ridere o piangere. Ovvero: una vicenda Kafkiana sulla “Vespa Orientalis”.

Sabato 10 settembre ho chiamato il Comune di Roma – ticket n. 03432660 – per il problema delle “vespe orientalis” sul mio terrazzo. La risposta iniziale è stata: “Per risolvere il problema chiami una ditta privata”. Allora, dopo avere spiegato che il problema non si sarebbe mai potuto risolvere visto che i secchioni posti nell’androne del palazzo dove abito, in Vicolo delle Grotte, sono costantemente colmi di spazzatura, e che fuori sul vicolo c’è costantemente una “discarica di rifiuti a cielo aperto“, il Comune di Roma si è impegnato a segnalare il problema alla Protezione Civile, che – a loro dire – si sarebbe messa in contatto con me.

Domenica 11 settembre siamo rimasti con le finestre chiuse visto che una dopo l’altra due vespe sono entrate in casa. Quindi ho preso io l’iniziativa ed ho chiamato  il numero verde della Protezione Civile. Mi hanno risposto che loro non possono fare nulla e mi hanno dato il telefono del Dipartimento Ambiente.

Chiamo il Dipartimento Ambiente che mi fornisce il numero telefonico della Direzione Benessere Animale, e mi consiglia di chiamare il giorno dopo che è lunedì.

Decido di chiamare l’AMA di zona, e spiego la nostra situazione rifiuti e la necessita che la raccolta venga fatta costantemente, nell’androne e nel vicolo, e che è necessaria anche una disinfestazione. Mi dicono che domani, cioè lunedì, avrebbero provveduto – cosa che effettivamente è avvenuta, i secchioni dell’androne sono stati svuotati – aggiungendo che neanche loro sanno come fare riguardo alle benedette vespe. Mi raccontano che su un albero davanti alla Chiesa Nuova c’è un grosso nido di Vespe e così hanno chiamato la Protezione Civile.

E qui la situazione diventa tutta da ridere perchè la Protezione Civile gira all’AMA una email a cui scrivere. L’AMA scrive alla email avuta … ma in realtà è una certa Sig.ra Mara – non meglio qualificata – a rispondere e a rigirare la stessa email all’AMA.

Lunedì 12 Settembre riesco a parlare con la segreteria della Direzione Benessere Animale, che gentilmente mi dice di rivolgermi al Direttore con cui ancora non riesco a parlare. E intanto le vespe, sempre più numerose, svolazzano nel quartiere e a casa mia.

 

 

Stando a quanto riportato sul sito internet di Roma Capitale, la gestione del problema delle “Vespe Orientalis” dovrebbe essere sotto controllo, ma il racconto che abbiamo ricevuto descrive una situazione dove il solito scaricabarile romano sembra godere ottima salute.

Da sottolineare il ruolo giocato anche in questo caso dalla malagestione dei rifiuti cittadini, problema che appare ben lungi dall’essere risolto (con o senza termovalorizzatore).

 

 

Immagine da Wikimedia Commons

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close