Piazza Castrolibero a Morena, un bell’esempio di riqualificazione stradale

Dopo sei mesi dal termine dei lavori, siamo tornati sul posto per verificare l'esito dell'intervento. Commercianti e residenti soddisfatti. Ora attraversare è molto più sicuro

 

Questo breve articolo su piazza Castrolibero potrebbe finire qui. Basta mostrare le due foto qui sopra sul prima e dopo il restyling per avere un’idea di come Roma potrebbe diventare più europea, più bella e soprattutto più sicura per pedoni e automobilisti.

Siamo a Morena, periferia est della capitale, sull’Anagnina e qui una strada e una piazza sono state trasformate grazie al buon lavoro svolto da Monica Lozzi, presidente del VII Municipio nella precedente consiliatura. La minisindaca aveva fatto dei passaggi pedonali e dei marciapiedi sicuri un obiettivo del suo mandato. A luglio vi avevamo già parlato della visione diversa dello spazio pubblico di Monica Lozzi. A distanza di sei mesi siamo tornati nella piazza per valutare l’impatto dei lavori e i risultati sono del tutto positivi.

Commercianti e residenti sono soddisfatti e anche nelle ore notturne (quando abbiamo scattato le foto) la sensazione è di maggior tutela per chi attraversa grazie alla forte illuminazione e al colore rosso della pavimentazione.

Vediamo ancora un altro confronto tra il prima e il dopo di un diverso angolo della piazza.

 

Tralasciando la presenza del terribile mercato nel 2020, nello scatto di oggi si notano i marciapiedi e i paletti dissuasori della sosta. Prima lo slargo era una spianata di asfalto dove non si coglievano i limiti tra gli spazi riservati alle auto e quelli dedicati ai pedoni.

Ora, quando la si attraversa in macchina, viene istintivo rallentare e fare attenzione, mentre in precedenza non si percepiva la differenza tra via Rocca Imperiale e la piazza.

Si tratta del primo luogo a “velocità 5” di Roma, almeno così fu annunciato in sede di inaugurazione. Una velocità tanto bassa sembra davvero difficile da rispettare e già una normale zona 30 appare più consona al passaggio dei veicoli, ma la presenza del mattoncino rosso in terra è un ottimo deterrente alle andature spedite.

Gli esempi di riqualificazione a Roma non sono tanti e la gran parte si trova nel VII Municipio: per esempio piazza Rosarno, all’Appio Claudio, che qui sotto si vede in corso di trasformazione (foto da Google Map) e di seguito come appare oggi, una volta terminata (foto da RomaToday).

 

Rendere la carreggiata più stretta, in modo da permettere ai pedoni un attraversamento più breve ed evidenziare il passaggio con colori o luci, è la ricetta utilizzata in tutta Europa per ridurre la mortalità sulle strade. A Roma, invece, esistono tantissimi attraversamenti davvero troppo ampi, soprattutto nelle zone più centrali. E non è un caso se la nostra città è perennemente in testa alle classifiche di vittime della strada.

A parte la lodevole eccezione del II Municipio che sta completando la riforma di tutti i passaggi pedonali davanti alle scuole, negli altri quartieri si assiste a interventi spot senza un vero criterio. Sarebbe il caso che un’indicazione venisse dall’assessorato capitolino ai Lavori Pubblici che dovrebbe imporre, in caso di intervento, il totale restyling degli attraversamenti in modo da imitare il più possibile l’esempio di piazza Castrolibero.

 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato. Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato.
Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Bcy85K98xA

È online il sondaggio per rilevare la soddisfazione degli utenti del Trasporto pubblico di Roma. Se nel corso del 2022 siete stati utenti anche solo occasionali non perdete la possibilità di dire la vostra! Richiede account Google ma è anonimo. forms.gle/L8yZWT7PD1bhhC… Retweeted by diarioromano

Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. twitter.com/diarioromano/s…

test Twitter Media - Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. https://t.co/YbdaqlepKk https://t.co/XjVAAFFjOK

Un salto nel passato dei trasporti grazie al modellismo. Una #mostra a Torre Maura I bus e i tram d'epoca, le storiche paline #Atac, auto della Polizia e caserme dei Pompieri, oltre agli immancabili treni. Evento organizzato da Vivitreno 👇📰 diarioromano.it/un-salto-nel-p…

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close