Per quanto resterà chiusa via Pezzana dopo il crollo del muro?

 

 

 

Le immagini sono impressionanti: il muro di contenimento di villa Ada verso via Giacinta Pezzana è venuto giù come una sfoglia lo scorso 11 dicembre. Il maltempo di queste settimane ha aggravato la situazione già seria per la scarsa manutenzione.

Adesso via Pezzana resterà chiusa per diverso tempo anche se la presidente del II Municipio, Francesca Del Bello, ha assicurato che i lavori dal lato di via Tommaso Salvini saranno avviati il più presto possibile e subito dopo si interverrà a valle, appunto su via Pezzana. Il problema riguarda soprattutto le persone anziane che non possono uscire di casa senza l’aiuto di qualcuno e senza la possibilità di avvicinarsi con l’automobile.

Racconta a Fanpage, Antonella Belliazzi, residente e direttore tecnico dell’Auditorium-Parco della Musica: “Una parte del marciapiede a confine con il parco di Villa Savoia è sprofondato verso la Villa insieme al muro di contenimento della strada creando una voragine profonda circa 8 metri. Quando dopo un’ora e mezza dalla chiamata sono arrivati i VVF , la prima cosa che hanno rilevato sono state le fessurazioni dalla strada e le buche ormai ridotte a scavi di terra impregnate di acqua, ed hanno espresso immediatamente grande preoccupazione. Ovviamente poi nei verbali tutto quanto sopra verrà ridotto a banali rilevazioni che sminuiranno il grave problema della inadempienza della P.A. La cosa più ridicola è che poiché la continuazione del muro che è crollato è il muro di contenimento del resto della strada e del mio giardino…. la soluzione è stata …. l’interdizione al mio giardino perché a rischio”.

La buona notizia è che nessuno è rimasto ferito, ma ci vorranno mesi per rendere di nuovo transitabile la parte sovrastante, all’interno del Parco.


Le foto sono di Lorenzo G. che ringraziamo

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close