Ostia e periferie senza car sharing. Le compagnie non ci vanno nonostante forti sconti sul canone

Sul litorale, 280mila abitanti, non arrivano le auto condivise. La delibera, che nel 2020 prevedeva incentivi, rimasta senza seguito. Azione chiede l'estensione del servizio comunale

 

Per far circolare sul territorio romano le loro auto, Share Now, Enjoy e LeasysGo pagano al Comune un canone annuo di 1.200 euro per ciascun veicolo. Nel 2019, il Campidoglio mise in campo una piccola rivoluzione che sarebbe partita l’anno successivo: in pratica chi avesse spinto il servizio fino alle zone più lontane avrebbe visto  ridursi il canone, fino ad azzerarsi nel caso di Ostia.

Nonostante i notevoli risparmi che avrebbero ottenuto, le compagnie hanno deciso di non raggiungere le periferie della capitale lasciando così scoperta una vera città quale Ostia e non solo.

Per quanto riguarda Enjoy, a nord si ferma all’asse ideale tracciato tra Serpentara, Cortina d’Ampezzo, Monte Mario. A sud si spinge fino a Mostacciano, ma – tranne le eccezioni di Mezzocammino e Ciampino – i limiti sono ampiamente dentro il Raccordo Anulare.

 

Simili, forse anche più ristretti, i confini di Share Now che come si vede dalla mappa che segue, lascia fuori zone popolose come Alessandrino, Don Bosco, Fonte Meravigliosa, Pisana, Gianicolense e molte altre.

 

 

Una gran fetta di Roma, insomma, non può utilizzare i servizi di car sharing gestito dai privati che evidentemente non hanno trovato abbastanza conveniente quanto previsto nella delibera 306 del 2019. Questa prevedeva sconti da 90 a 540 euro a veicolo più l’area di operatività si sarebbe avvicinata al GRA. Chi poi si fosse spinto fuori dal Raccordo avrebbe avuto sconti maggiori fino ad azzerare il canone per la copertura di Ostia.

In un mondo che spinge molto sui servizi condivisi, sembra assurdo che perfino quartieri semicentrali come Monte Sacro Alto non siano raggiungibili con questi sistemi. Ecco perché il gruppo capitolino di Azione ha presentato una mozione che verrà discussa oggi dall’aula (o al massimo entro la settimana) per estendere alle periferie almeno il servizio gestito da Roma Servizi per la Mobilità. In questo caso non si hanno limiti di zona per condurre il veicolo, ma al termine del noleggio questo va parcheggiato necessariamente in una delle 149 aree di sosta previste. Che sono tutte nelle aree centrali e semicentrali, con pochissime eccezioni tra cui Eur, Marconi, Oderisi da Gubbio e San Paolo. Ma nulla fuori dal Gra e in particolare nulla per Ostia che sembra la cenerentola della mobilità condivisa, nonostante il treno che collega il litorale con Piramide sia la vergogna nazionale per inefficienza e ritardi.

In ultimo, il gruppo politico composto dai consiglieri Flavia De Gregorio, Francesco Carpano e Dario Nanni, ha chiesto nella stessa mozione di realizzare un sistema di bike sharing pubblico, su modello di quello milanese, gestito da un concessionario privato di pubblicità che ha come stazione appaltante la Atm.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Tutti si riempiono la bocca di “quanto è importante Ostia” e poi si vedono i risultati…. Il posto più pianeggiante di Roma senza nemmeno un servizio di bike sharing, con la sola ciclabile del lungomare e qualche vecchio residuato di ciclabili verniciate (ormai piu che scolorite) sui marciapiedi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close