Nuovo porto al faro di Fiumicino: ospiterà yacht o grandi navi da crociera?

L'area, oggi in stato di abbandono, è stata acquisita da Royal Carribean che ne vuole fare un suo scalo. I cittadini in allarme: i fondali non sono adatti

 

Dietro a questo vecchio faro si sta scatenando una guerra economica sconosciuta ai più. L’area del porticciolo di Fiumicino, a poca distanza dall’Isola Sacra, è oggetto di un enorme progetto che potrebbe impattare pesantemente anche sulla città di Roma. Qui, infatti, è previsto uno scalo per navi da crociera che porterebbero nella capitale migliaia di visitatori aggiuntivi al giorno, con ricadute positive e negative che tutti possono immaginare.

La storia è complessa per cui cerchiamo di riassumerla partendo dall’inizio e cioè dal 2010, quando l’imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone rileva la concessione dalla Regione Lazio per realizzare un porto turistico da 1.500 posti barca. La società di cui è socio, Iniziative Portuali, avvia i lavori ma nel 2013 l’imprenditore viene arrestato e l’area sottoposta a sequestro. Da allora tutto si blocca e il territorio prosegue a sprofondare in una condizione di ulteriore degrado.

Nel 2019, interviene la Royal Carribean – una delle più importanti compagnie di navi da crociera del mondo – che in una prima fase stringe un accordo con Iniziative Portuali e poi nel 2022 acquisisce definitivamente la concessione e informa che investirà 350 milioni per la realizzazione di un nuovo porto.

La società Fiumicino Waterfront, controllata da Royal Caribbean, ha liquidato la Iniziative Portuali con 11 milioni e 450 mila euro e ora pensa in grande. Il progetto definitivo è in via di preparazione ma dalle prime bozze e dai comunicati ufficiali della società si comprende come sarà il porto. Potrà ospitare fino a tre navi di grandi dimensioni sul molo più lungo mentre la restante parte sarà destinata agli yacht di grandi dimensioni. Il vecchio faro, simbolo del luogo, potrebbe essere utilizzato come torre di controllo.

Secondo la Royal Caribbean le ricadute sul territorio saranno importanti anche in termini di infrastrutture: verranno realizzati un parco, delle piste ciclabili e un collegamento diretto con la città. Inoltre l’indotto economico sarà favorevole per Roma in quanto dalla capitale e dalle aree circostanti arriveranno i prodotti necessari a rifornire le navi.

Il progetto, però si scontra con una dura opposizione dei comitati cittadini che si sono riuniti nell’associazione Tavoli del Porto. Sono preoccupati in primo luogo per la scarsa profondità dei fondali: per una grande nave da crociera sono richiesti almeno 10 metri mentre oggi a stento si arriva 4/5 metri con perenni escavazioni. Queste opere di dragaggio continuo della sabbia avrebbero un impatto negativo sull’area dal grande valore storico e paesaggistico di Isola Sacra e potrebbero accentuare i fenomeni di erosione del litorale romano.

Altra perplessità deriva dal fatto che pochi chilometri più a nord, allo sbocco del canale di Fiumicino, è prevista la realizzazione di un altro imponente porto, tutto dedicato ai commerci e alle crociere. Secondo le previsioni delle autorità portuali, il nuovo porto dovrebbe accogliere 230 mila passeggeri l’anno per le sole navi da crociera, 3 milioni di tonnellate di merce per le navi cargo e 565 mila passeggeri per i traghetti.

Dunque l’impatto su un tratto molto breve di mare, sarebbe davvero ingente. Ecco perché alcuni, come Luigi Satta, ex delegato alla portualità del Comune di Fiumicino, propongono che al vecchio faro sia realizzato uno scalo solo per i grandi yacht e non anche per le crociere. Ma se davvero così fosse, quale sarebbe stato l’interesse di una compagnia come Royal Caribbean ad investire nella zona?

Il futuro resta incerto ma quel che è chiaro sono le ricadute che tutto questo avrà su Roma. Oggi le grandi navi da crociera arrivano a Civitavecchia e raggiungere la capitale per i passeggeri è leggermente più complesso. Domani con uno scalo a Fiumicino o forse addirittura due scali, la città potrebbe essere invasa dal tipico turismo mordi e fuggi di una giornata, fatto di torpedoni, gruppi monstre e bassa qualità. Roma somiglierebbe a Venezia per la parte deteriore dei suoi visitatori.

Occorre una regia coordinata del Comune di Fiumicino, del Campidoglio e della Regione Lazio che si impegnino a valorizzare i progetti se portano lavoro e sviluppo del territorio, ma prevedendo il futuro impatto sull’ambiente, sulla viabilità e sulle città. Siamo solo all’inizio di un capitolo molto importante che andrà seguito con grande attenzione.

 

Condividi:

5 risposte

  1. Facciamo scappare anche questa opportunità per Ostia meglio il degardo e la disoccupazione! Ma quando diventeremo una capitale! Roma antica è stata tale anche per il suo grande porto. La nostra unica risorsa è il turismo e facciamo tutto per farlo scappare in altre nazioni

    1. Fabrizio lei ha ragione. Non dobbiamo lasciar scappare l’investimento ma probabilmente due mega porti nell’arco di 4 km sono un carico eccessivo per quel tratto di litorale. Inoltre ci siamo limitati a riportare quanto dichiarano i comitati cittadini e cioè il rischio per l’erosione delle coste provocato dai continui dragaggi del mare. Se così non è il problema resta quello del turismo di qualità da veicolare verso Roma. A suo avviso 5 mila persone che arrivano a Roma al mattino e vanno via alla sera o al massimo il giorno dopo, portano vantaggi alla capitale? E’ un tema che ci piace discutere e siamo aperti ad ogni opinione.

  2. Insomma Roma stenta a tenere il passo di Parigi Barcellona Istanbul come turisti e Fiumicino è il peggior aeroporto d’Italia insieme a Ciampiono rispetto al 2019…un porto turistico di respiro internazionale potrebbe dare agli stranieri la possibilità di tenere la barca vicino a Roma e usare maggiormente i due scali…ma il porto no e il degrado sì

  3. Veramente Fiumicino è il miglior aeroporto d’Europa da cinque anni a questa parte sig. Alessandro non parli a vanvera e non dica castronerie tanto per. Gli investimenti sono sempre i benvenuti e Roma è sempre in vetta alle scelte dei turisti da tutto il mondo Australia compresa con Quantas che ha scelto Roma mica Parigi o Istanbul mio caro Alessandro. I crocieristi non sono fagottari e già arrivano in gran numero nella nostra metropoli da Civitavecchia. Se altre navi attraccassero a Fiumicino sarebbe più comodo per NOI romani partire per le vacanze. I comitati hanno tollerato il degrado dell’isola sacra e per fare restare tutto uguale si inventano laqualunque dal basso delle loro baracchette abusive vista Tevere che vorrebbero tutelate dallo Stato.

  4. Sono d’accordo sull’opportunità del porto, ma riguardo Fiumicino… vivi su questo pianeta? Negli ultimi anni è diventato uno dei migliori scali per servizi offerti e per semplicità e velocità nei controlli, nel ritiro bagagli ecc. Tanto da fargli vincere, per 3 anni di fila, il premio come miglior aeroporto d’Europa. Esattamente il contrario della tua narrazione errata, che non fa altro che alimentare ulteriori falsi miti sulla nostra città. Mi sa che non prendi un aereo da FCO da un po’ di tempo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close