#nonvotarechisporca la campagna contro le affissioni abusive

Manifesto abusivo Gramazio

 

Sei tra i principali blog e associazioni romane contro il degrado della città non gliela faranno passare liscia. Vigileranno nei prossimi mesi di campagna elettorale e segnaleranno immediatamente i manifesti illegali dei vari candidati e partiti.

La campagna #nonvotarechisporca parte oggi ufficialmente dopo essere stata ancitipata da alcuni giornali e accolta benevolmente da diversi candidati tra i quali Roberto Morassut, Andrea Santoro, Sabrina Alfonsi, Roberto Giachetti, Stefano Fassina e molti altri. Le affissioni abusive sono state la nota che ha sempre caratterizzato il voto a Roma. Tranne il M5S e Radicali Italiani, tutti gli altri partiti ne hanno fatto uso e abuso, salvo poi condonarsi le multe con un emendamento aggiunto in extremis alle varie leggi finanziarie.

morassut

 

Un vero scandalo che si verifca solo in Italia e che ha a Roma la sua massima espressione. Inoltre un sistema di comunicazione ormai obsoleto che – secondo diversi esperti in marketing – genera più fastidio nei cittadini di quanto non serva a trasmettere il messaggio. Per non parlare del rischio “voto di scambio” come dimostrò l’inchiesta Mafia Capitale i cui principali esponenti promettevano ai politici manifesti gratis in cambio di favori.

Prima ancora che cominciassimo ad inviare a centinaia di esponenti della politica romana la richiesta di aderire alla nostra campagna, è bastato far girare l’hashtag perchè molti aderissero. Ma il tema è capire se davvero rispetteranno l’impegno non solo per i manifesti palesemente abusivi – quelli affissi sui muri, sulle cabine telefoniche, etc – ma anche per quelli sulle plance elettorali, dove vige un regolamento preciso.  Il “bombing” di questa sera è solo il primo passo di una campagna elettorale che ci auguriamo diversa e migliore.

manifesti abusivi storace 2

Storace manifesti abusivi5

 

Nelle scorse settimane abbiamo già ricevuto il tweet di Storace che sbeffeggiava chi gli faceva notare quanto i suoi manifesti fossero ormai fuori contesto in un paese civile. Vedremo quali partiti e quali candidati riusciranno a comprendere che la città va difesa e non usata per i propri comodi.

Ma soprattutto siamo certi che gli elettori sapranno punire chi ha sporcato con carta e colla in un modo molto semplice: non votandoli!

 


 

Campagna realizzata insieme da: diarioromano, Roma Pulita, Romafaschifo, RetakeRoma, Carte in Regola, Cittadinanzattiva e ZeroWaste Lazio


 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Balduina, i cassonetti sulla fermata del bus.
Proprio davanti la stazione Appiano in via Proba Petronia, per prendere il 990 i passeggeri devono passare in mezzo ai cassonetti dei rifiuti!
#fotodelgiorno

Cartelloni abusivi: non c’è due senza tre!
Su un piccolo spartitraffico della Salaria, bonificato nel 2022, sono ricomparsi impianti irregolari uno dietro l’altro. L’Osservatorio Sherwood li ha denunciati ma restano tutti lì a guadagnare illecitamente.

#buongiornouncazzo amici @PendolariRMNord oggi tutti in maghina al lavoro. Grazie @AmaliaColaceci
@RegioneLazio @GheraFabrizio @roccapresidente @TUTraP_APS @QuinziUgo @diarioromano @MercurioPsi @Codacons @CorteContiPress @corriereroma @maxgobbi @AndreaGiuricin @mitgov_it

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria