“Non bonificate i serbatoi dei distributori di benzina chiusi”

Distributore benzina in abbandono

 

Guardate questo distributore di carburante. E’ stato chiuso da alcuni mesi e –  chissà quando – verrà smantellato dalla compagnia petrolifera. Ma cosa succede al grande serbatoio carico di liquami e depositi tossici che è interrato qui sotto? Verrà rimosso? E a spese di chi?

Prima di rispondere a questa domanda facciamo un passo indietro. In Italia i distributori di benzina sono troppi. E’ un dato oggettivo ed è una delle cause del costo elevatissimo dei carburanti nel nostro Paese (sempre tra i primi 5 al mondo per prezzo al litro). Il motivo principale restano le accise, cioè le tasse, che ammontano a circa 1,10 euro sul prezzo complessivo di 1,30/1,40. Ma anche la distribuzione molto parcellizzata, con piccoli benzinai ovunque, incide notevolmente dato che le cisterne devono compiere un numero di viaggi molto superiore a quanto avviene in altri paesi europei.

E’ per questo motivo che da alcuni anni si è avviata un’opera di razionalizzazione e chiusura dei piccoli punti vendita, quelli che producono un fatturato troppo basso. Fin qui tutto bene, dato che molte aree cittadine e soprattutto di Roma (che ha il tasso distributori per abitante tra i più alti) ospitano troppi distributori.

Distributore benzina in abbandono2

 

Torniamo allora alla domanda iniziale. Cosa succede ai serbatoi interrati sotto il livello stradale? Attualmente, la norma prevede che la compagnia petrolifera debba farsi carico della rimozione delle pompe in superficie ma non è chiara su quanto occorra fare per i serbatoi. Al Senato, in 10° commissione, è all’esame il capitolo energia del DDL concorrenza. All’articolo 36 si parla proprio della chiusura dei benzinai e si precisa che la bonifica va effettuata qualora sussistano rischi di inquinamento o “in caso di riutilizzo dell’area“. Questa frasetta rappresenta un tentativo piuttosto bieco di scaricare sui comuni i costi della bonifica.

Infatti se si rimanda la rimozione dei serbatoi ad un eventuale utilizzo dell’area (cosa che potrebbe avvenire tra anni), è chiaro che a farsene carico sarà il Comune. Ad oggi la compagnia affermerà che il serbatoio è stato svuotato. E domani che in quel terreno andrà rifatta una fognatura, incassato un cassonetto, realizzato un cunicolo per i servizi, sarà il Comune a trovarsi di fronte il vecchio serbatoio ancora carico di liquami sul fondo e a dover sostenere il costo per la sua rimozione.

Una norma spudoratamente a favore delle lobbies del petrolio, che va rivista subito. Per fortuna il DDL è ancora in discussione. Ma vanno tenuti gli occhi aperti, per non far pagare per l’ennesima volta a Pantalone  quello che spetta al privato.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Con tutto il ritardo del mondo, partono finalmente le #primarie del centrosinistra. Quattro candidati, per ora, si sfidano per concorrere per il csx alle elezioni di ottobre. Una gara solo apparentemente dall'esito scontato... #Roma #16maggio 👇📰 diarioromano.it/con-tutto-il-r…

Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente). #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente).
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/67G1VFcyqR

Perse ormai le tracce del delegato alla disabilità @andreavenuto, torniamo a sollecitare il ministro @erikastefani71: situazione intollerabile a #Roma, da anni. twitter.com/MercurioPsi/st…

La beffa dei permessi #ZTL non rimborsati è divenuta un rebus irrisolvibile Al caos determinato dai mancati rimborso ai titolari di permesso, causa spegnimento dei varchi, si aggiunge ora una #proroga automatica della scadenza per pochi fortunati #15maggio diarioromano.it/la-beffa-dei-p…

Ovviamente nel far west creato da @AndreaCoiaM5S e @virginiaraggi sono i più deboli a soccombere, ma la sindaca è troppo impegnata a fare propaganda elettorale per accorgersene. twitter.com/rep_roma/statu…

A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rmvB0llQoz

Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? Serve denuncia? Dica dove! twitter.com/MercurioPsi/st…

test Twitter Media - Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? 
Serve denuncia? Dica dove! https://t.co/cInypcz4VA https://t.co/LSQB8gcDD2

#Rifiuti e sfalcio delle erbacce: gli errori imperdonabili della Raggi Dal II e dal III Municipio interrompono la narrazione trionfante della giunta #5stelle che tutto risana. Nessuna autocritica dai grillini e tanta ipocrisia dal #Pd 👇📰 diarioromano.it/rifiuti-e-sfal… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close