Nastri biancorossi dei cantieri sul Lungotevere Sanzio: normale che siano ridotti così?

 

Qualche giorno fa siamo ritornati sul vecchio tema dei nastri gialli di segnalazione della Polizia Locale puntualmente abbandonati dai vigili a fine utilizzo. Ecco invece un altro classico fotografato poche ore fa sul Lungotevere Sanzio in pieno centro storico.

foto centro storico 021

Si tratta del cantiere di manutenzione stradale e riqualificazione viaria, probabilmente inserito tra le opere del Giubileo della Misericordia. Conclusione dei lavori il 29 gennaio.

 

foto centro storico 029

foto centro storico 028

Ma guardate in quali condizioni si trovano i marciapiedi in cui turisti e romani passeggiano lungo il centralissimo e degradato lungotevere a due passi da Ponte Sisto e Piazza Trilussa.

foto centro storico 022

Le persone sono costrette a fare lo slalom per non inciampare sui nastri. Ma è una cosa normale? Lo chiediamo ai dirigenti del SIMU, dipartimento lavori pubblici balzato agli onori della cronaca per non proprio edificanti vicende di corruzione,  e agli agenti del Gruppo Trevi della Polizia Locale. Facciamo notare che questo modo di gestire i cantieri è diffuso in tutta la città e rappresenta uno di quei biglietti da visita per turisti e visitatori, assieme a scritte sui muri, cartelloni e bancarelle ovunque, che volentieri eviteremmo.

 

foto centro storico 027

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Stiamo perdendo anche Garbatella?
“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Inseguendo Lafuente, l’architetto che costruì il Moderno a Roma.
In anteprima per diarioromano, le fotografie dell’ultimo libro di Stefano Nicita su uno dei più interessanti progettisti del novecento.
@sfnnicita
👇

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »