“Marino colga que­sta seconda e ultima chia­mata”

Con questo post vogliamo cominciare ad aprire delle finestre sulla classe politica cittadina per dare elementi utili a giudicare l’operato degli eletti.

Premettiamo che l’esperienza fatta in anni di lotte contro i cartelloni, con innumerevoli occasioni di confronto con assessori, consiglieri e presidenti sia a livello comunale che municipale, ci hanno mostrato un livello generalmente molto basso del personale politico romano, con numerose punte a livelli veramente imbarazzanti. Peraltro le storie di Mafia Capitale stanno dimostrando che le nostre impressioni erano tutt’altro che esagerate, con una moltitudine di gente interessata solo al proprio tornaconto personale.

Volendo quindi evitare di descrivere la pochezza, laddove non la vera delinquenza, di troppi politici, cercheremo di concentrarci sugli esempi di eletti locali che hanno dimostrato passione e competenza nell’operato politico. In queste analisi non faremo distinzione tra forze di maggioranza e di opposizione, giacché riteniamo entrambi i ruoli fondamentali per il corretto gioco democratico. Come infatti ci si aspetta dalla maggioranza di governare nell’interesse dei cittadini, l’opposizione ha il fondamentale compito di controllarne l’operato; e ben ricordiamo noi cosa ha significato per la lotta ai cartelloni il ruolo del tutto assente che ebbero forze di opposizione come il PD o SEL durante l’era Alemanno (e le storie di Mafia Capitale ce ne stanno anche spiegando i perché).

Non si tratta di sponsorizzare in maniera generica qualche politico, bensì dare visibilità a coloro che a nostro avviso sono degni rappresentanti dei cittadini, a prescindere dal condividere o meno le loro idee.

 

riccardo magi radicali

Il primo politico di cui vogliamo occuparci è Riccardo Magi, consigliere comunale eletto nella lista civica per Marino che però fin dall’inizio al Sindaco non ha risparmiato critiche e sollecitazioni, finendo col subire da Marino la richiesta di dimissioni dalla carica.

Nella giornata di ieri è uscita su Il Manifesto un’intervista al consigliere Magi di cui vogliamo riportare alcune dichiarazioni:

“Quando abbiamo reso pub­blico che il costo dei campi rom per Roma è di quasi 24 milioni l’anno, tutti soldi che vanno ai famosi gestori di ser­vizi, dalla giunta e dalla mag­gio­ranza per lo più la rea­zione è stata: è meglio che que­ste cifre non girino”

“Dopo la prima esplo­sione dell’inchiesta, a dicem­bre, per sei mesi l’amministrazione è stata para­liz­zata, con il fiato sospeso in attesa della nuova ondata di arre­sti. Il Pd, è il par­tito di stra­grande mag­gio­ranza, ha fatto più che altro un’operazione este­tica per essere più pre­sen­ta­bile.”

“I campi rom, per esem­pio, si pos­sono chiu­dere. Non con le ruspe, come dice Sal­vini, ma con il cer­vello e con le buone prassi come in altri paesi, accedendo ai fondi euro­pei. Diven­te­rebbe l’ occa­sione per poli­ti­che rivolte non solo ai rom ma a tutti i cit­ta­dini in dif­fi­coltà abi­ta­tiva. E invece su que­sto oggi siamo allo stesso punto di due anni fa (ce ne eravamo accorti, ndr). È scop­piato il bub­bone sui cen­tri di acco­glienza, ma anche lì non si è fatta non dico una riforma, nean­che il moni­to­rag­gio sulle con­ven­zioni e sui ser­vizi pre­vi­sti ma non ero­gati.”

Marino colga que­sta seconda e ultima chia­mata, ma fac­cia un patto con la città e con la mag­gio­ranza: sue due-tre cose cen­trali. L’onestà non basta, dovrebbe essere scon­tata. Per andare avanti come ora, tanto vale stac­care la spina.”

 

Se anche un consigliere attento come Riccardo Magi fa un invito simile al nostro al Sindaco c’è qualche piccola speranza in più che costui ci pensi su.

 

P.s.: segnaliamo anche un accenno del consigliere Magi alla questione della metro C. “… l’anno scorso abbiamo fatto un espo­sto sulla Metro C. E pre­sto si sco­per­chierà anche que­sta pen­tola. È la più grande opera in rea­liz­za­zione in Ita­lia, sotto il con­trollo del comune a cui però è sfug­gita com­ple­ta­mente di mano. È sal­tato il qua­dro finan­zia­rio e quello giu­ri­dico, non c’è un pro­getto defi­ni­tivo.”. Cercheremo di tornarci sulla metro C con qualche riflessione non manichea. Non siamo contrari all’opera né pensiamo che vada fatta a rischio di dichiarare bancarotta. Quello che non è ammissibile è che il Comune abbia perso il controllo su un’opera tanto importante ed invasiva.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »