Manutenzioni? Naaa … a Roma facciamo così

1 Commento

È esperienza comune di chi visiti altre capitali europee il trovare gli immobili mantenuti almeno in buone condizioni generali, quando non perfettamente in ordine.

Lo stesso non può purtroppo dirsi per Roma, dove la condizione media degli stabili è spesso al limite della decenza, con casi diffusi di palazzi straccioni un po’ ovunque e numerosi veri e propri ruderi financo in centro storico (molti di questi li abbiamo recensiti per mesi nella nostra rubrica “Città in rovina“).

CasaPasseggero

La ex Casa del Passeggero in piazza dei Cinquecento

 

 

A questo degrado generalizzato degli stabili si sta aggiungendo da un po’ di tempo un ulteriore elemento che dà il segno di quanto in basso stia scivolando Roma: sempre più palazzi non solo non vengono manutenuti ma quando cominciano a cadere letteralmente a pezzi anziché porvi finalmente mano vi si installano dei ponteggi a protezione dei passanti.

Un primo esempio è il palazzo del Ministero dell’Economia e Finanze di via Pastrengo:

 

pastrengo1

Palazzo del Ministero dell’Economia e Finanze a via Pastrengo

 

 

Questo stabile già nel 2014 era in questo stato, come mostra StreetView di Google:

 

pastrengo2014

 

… mentre nel 2008 appariva tutto sommato normale (unità esterne dei condizionatori a parte):

 

pastrengo2008

 

 

Un altro esempio si trova non lontano dallo stabile di cui sopra, in via Pagano:

 

pagano

 

In questo stabile i ponteggi sono più recenti, potendo vedificare su StreetView che nel 2014 non c’erano (ma nel 2015 sì):

 

pagano2014

 

 

Altro esempio è lo stabile di via Carlo Felice, occupato abusivamente da 11 anni. Fino al maggio 2014 il palazzo si mostrava così:

 

carlofelix1

 

Poi dal settembre 2014 spuntano i ponteggi a proteggere i marciapiedi dalla caduta di detriti:

 

carlofelix2

 

Poi improvvisamente ad agosto di quest’anno i ponteggi vengono rimossi dai marciapiedi e sostituiti da strutture ancorate direttamente alle mura perimetrali:

 

ImpalcDopo

 

Ultimo esempio, il palazzo in rovina su via Labicana (ne trattammo qui):

 

Labic1

 

 

C’è o non c’è da preoccuparsi nel vedere a Roma proprietà di valore, alcune anche del demanio, lasciate andare in disfacimento per anni?

Sono forse tutti stupidi nelle altre capitali europee a manutenere regolarmente gli immobili?

A quando una normativa a Roma che obblighi la proprietà degli stabili ad una manutenzione minima che gli assicuri un aspetto almeno decoroso?

Articoli correlati

1 Commento

  1. Santi

    Questo articolo mette in luce la manutenzione (assente) degli edifici pubblici.
    Nel futuro, neanche tanto lontano, ai tipici edifici pubblici si aggiungeranno anche gli edifici di Edilizia Agevolata in Diritto di Superficie realizzati a partire dal 1971 che, dopo 99 anni (cioè a fra circa 50 anni), passeranno dal patrimonio indisponibile del Comune di Roma a patrimonio disponibile per scadenza della Convenzione con i titolari privati. Non è difficile prevedere già da ora che nelle ultime decadi prima della scadenza, i privati non si cureranno più di manutenere edifici di cui presto perderanno la proprietà a vantaggio del Comune e, se dagli esempi di questo articolo vogliamo fare una previsione, ci saranno tanti quartieri (si parla di oltre 200.000 appartamenti) che diventeranno una grave minaccia al decoro urbano.
    Chi ci amministra deve capire che fin da ora deve mettere in atto un piano appetibile di cessioni dei terreni per trasformare gli immobili dal Diritto di Superficie al Diritto di Proprietà definitiva questa notevole mole di edifici in bilico fra privato e pubblico. Solo così i privati attualmente titolari di una “proprietà a termine” saranno invogliati a manutenere gli edifici (di cui diventeranno proprietari definitivi) e si eviterà di aggiungere degrado su degrado di edifici in rovina che il Comune, quando diventerà titolare definitivo non avrà né i fondi né l’organizzazione per ristrutturare!

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

romamobilita.it/it/media/event… Nuovi stalli, nuovi partner, stessa passione! Torna #RomaGiocaSostenibile per il @SeiNazioniRugby Scarica la mappa e raggiungi lo stadio a piedi, mezzi pubblici e bicicletta 🚲 @Handshake_EU @JUMPbyUber @Olandiamo @Federugby #ITAvSCO 🇮🇹 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 Retweeted by diarioromano

Elezioni suppletive nel collegio uninominale Lazio 1. Prosegue la nostra presentazione dei candidati. Oggi è la volta di @marioadinolfi del Popolo della Famiglia. diarioromano.it/?p=38110

Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati! . #buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano

test Twitter Media - Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati!
.
#buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano https://t.co/z4Zm68H7Yn

Sicurezza stradale. La vicesindaca di Helsinki: "Ho imparato da Roma come NON si fanno le strade". Nella capitale finlandese zero morti tra pedoni e ciclisti nel 2019. Carreggiate più strette in tutta Europa. @LindaMeleo @EnricoStefano @materia__prima diarioromano.it/?p=38105

Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.