L’inossidabile caldarostaro è stato “dimenticato”?

Avevamo già dato un’occhiata alla situazione della zona di piazza di Spagna subito a seguito dello spostamento di camion bar e bancarelle del 10 luglio u.s.

Abbiamo voluto fare un’ulteriore verifica a distanza di una decina di giorni perché sappiamo che la situazione è in divenire, essendo difficile che i gestori dei banchi residui si rassegnino alle nuove disposizioni.

Anzitutto chiariamo di nuovo il numero e la tipologia di banchi che si è deciso possano rimanere tra piazza di Spagna e Trinità dei Monti. Questo è un estratto dalla Determinazione Dirigenziale che ha stabilito le nuove postazioni:

estratto

Si tratta quindi di tre postazioni per la vendita esclusiva di fiori localizzate una in piazza di Spagna, vicino all’aiuola con le palme, e le altre due in cima alla scalinata, una dal lato di San Sebastianello e l’altra dal lato della rampa Mignanelli.

Vediamo anzitutto la postazione in piazza di Spagna.

p.zaSpagna1

 

p.zaSpagna2

Come mostrano le foto, già si coglie quell’irrefrenabile pulsione a vendere altro dai fiori che prende i gestori del banco, essendo ricomparsi souvenir in quantità. E già questo non va bene.

Passando agli altri due banchi, quelli in cima alla scalinata, se quello dal lato Mignanelli non pare ponga problemi …

trinitaDeMonti2

… per l’altro già si nota una nuova situazione anomala, essendosi esso sdoppiato:

trinitaDeMonti1

Quale sia l’utilità di due banchi di fiori (solo fiori) affiancati sopra la scalinata di Trinità dei Monti non è dato saperlo, ma quello che stupisce, e preoccupa, è che dalle tre postazioni per la vendita di fiori citate nella DD siamo già passati a quattro. E sono passati solo circa dieci giorni!

 

Ma veniamo infine ad uno dei più grandi misteri cittadini, ossia il caldarostaro di piazza di Spagna angolo via Condotti, colui che gode da tempo immemore del privilegio di andare in deroga al Codice della Strada, di non conoscere le stagioni, in virtù dell’essere la sua una licenza “anomala”, di aver resistito a tutti i tentativi di spostamento (legende metropolitane narrano che anche monsieur LVMH in persona si sia dovuto arrendere continuando a tolleralo davanti l’entrata del suo Dior), incluso il vero e proprio tsunami che lo scorso 10 luglio ha spazzato via gran parte dei camion bar e bancarelle dalla zona.

caldarrostaro

Ma non lui, che imperterrito rosola castagne sulla brace anche con quasi 40° all’ombra.

Ma visto che la DD semplicemente non menziona da nessuna parte questa postazione, né nelle liste di quelle da spostare né in quelle dei banchi da mantenere, ci chiediamo come questa cosa debba essere interpretata.

Non sarà mica che in tutti gli incontri del tavolo del decoro, sia i rappresentanti del Comune che quelli del MIBAC si sono dimenticati dell’esistenza di quello che probabilmente è il più famoso caldarostaro del mondo?!?

Urge approfondimento da parte del Municipio, dell’assessorato al commercio del Comune ed anche del MIBAC. Se qualcuno ha dimenticato qualcosa che si rimedi in fretta all’errore!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#assembleacapitolina ha votato su modifica @ACoS_Roma: mandato due anni con rinnovo automatico cariche, per studiare questione compenso da norma nazionale @thegoodlobbyit, @openpolis, @Cittadinanzatti,@DD_Forum,@PortavoceFtsl, @MercurioPsi, @diarioromano Retweeted by diarioromano

Magazzino in strada in zona centrale? A Roma nessun problema. A via Torino c’è l’ennesimo magazzino in strada, probabilmente di qualche attività ambulante sulla strada. C’è da scommettere che nessuna forza dell’ordine si sia accorta della cosa #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Magazzino in strada in zona centrale? A Roma nessun problema.

A via Torino c’è l’ennesimo magazzino in strada, probabilmente di qualche attività ambulante sulla strada. C’è da scommettere che nessuna forza dell’ordine si sia accorta della cosa
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rd5w1kHE9A

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close