Tra viale Luigi Einaudi e via delle Terme di Diocleziano (in pratica tra piazza dei Cinquecento e piazza della Repubblica) vi è un giardinetto con al centro un monumento commemorativo della battaglia di Dogali. A luglio dello scorso anno ne documentammo lo stato pietoso definendolo un letamaio: ogni superficie utile era infatti imbrattata in vario modo e tutta l’area emanava un insopportabile puzzo di urina. A dire il vero in un angolo del giardinetto sarebbe anche presente un bagno pubblico, ma come da tradizione romana esso è da sempre chiuso, con il cartello di segnalazione “WC” che sembra indicare come sia l’intera area un grande bagno pubblico en plein air.

 

PzaRep2
Il giardinetto a luglio 2015

 

Siamo capitati recentemente da quelle parti e ci siamo accorti che deve esserci stato un corposo intervento di ripulitura dell’area, con tutti i muri posteriori dei banchi di libri riverniciati di grigio.

 

dogali6

dogali5

dogali3

Come si può vedere già sono iniziate a ricomparire le prime scritte vandaliche, e dire che qui siamo in pieno centro cittadino, a due passi dalla stazione Termini e su una strada percorsa da centinaia di veicoli delle forze dell’ordine ad ogni ora del giorno e della notte. Come si possa impunemente imbrattare questi muri è cosa che sfugge davvero alla comprensione (a meno che gli autori delle nuove scritte siano stati pescati in flagrante e perseguiti, ma è questa ipotesi che tenderemmo a scartare, ben lieti di essere smentiti nel caso).

L’impressione è che si debba essere trattato di un intervento di ripulitura commissionato dai librai delle bancarelle. A parte infatti i muri ripuliti, il resto dell’area è rimasto nell’abbandono solito, con i ceppi degli alberi a dar mostra del fallimento nella manutenzione del verde cittadino e la casupola del WC a ben rappresentare il termine romano “cesso”.

 

dogali4

Il degrado dell’area, ammorbidito al momento grazie a questo intervento di ripulitura, è completato dalla presenza fissa di barboni, senza dimora e balordi di vario genere. Quando prendevamo queste foto vi è stato anche uno di costoro, un giovanotto dalla forte inflessione francese, che ha provato a rimbrottarci lamentandosi che lo stessimo fotografando. Gli abbiamo fatto presente che facevamo foto in luogo pubblico e che se la cosa gli dava fastidio poteva anche spostarsi altrove. La protervia con cui il tipo ha provato ad affrontarci ci ha dato però l’ennesimo segnale che certa gentaglia ne ha fatto ormai un proprio diritto il bivaccare in un’area pubblica senza dispetto per il decoro e le regole della civile convivenza.

 

Rimettere a posto e rendere gradevole un posto così piccolo e così centrale non richiederebbe grande sforzo ed una volta fatto sarebbe sufficiente chiedere a tutte le forze dell’ordine di buttarci un occhio particolare ad ogni passaggio. Queste sarebbero le piccole cose da cui l’attuale amministrazione dovrebbe iniziare per dare dei primi segnali di cambiamento. Tutti sappiamo quanto sia difficile e lungo risolvere i grandi problemi cittadini (mobilità, rifiuti, ecc.) ma non cominciare a mettere mano a piccoli interventi come questo dà il segnale che i nuovi amministratori non hanno ancora capito niente di questa città. E se ancora pensano che terranno buoni i cittadini con dei risibili post su facebook si sbagliano di grosso.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Ombrelloni di vario genere e colori (rosa!?!), botti colorate (viola!?!), panche fatte coi pallet e una coppia di grossi buddha bianchi in plastica. Nient'altro? In piazza S. Andrea della Valle. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ombrelloni di vario genere e colori (rosa!?!), botti colorate (viola!?!), panche fatte coi pallet e una coppia di grossi buddha bianchi in plastica. Nient'altro? In piazza S. Andrea della Valle.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/cSDox4kjk8

Qualsiasi cosa @virginiaraggi dica sui rifiuti (e ne dirà sempre di più e sempre più grosse) non vale la pena considerarla né confutarla. Basta riguardare il suo programma di 5 anni fa e misurarlo su quanto effettivamente fatto. Fatti non parole. twitter.com/fabiospes1/sta…

Notti senza #regole e amministrazione in confusione. #Cittadini esasperati in diversi quadranti della città e l’amm.ne sta ancora al “cercheremo di prevenire”. Un’iniziativa di Orlando Corsetti... 👇📰 diarioromano.it/notti-senza-re…

È vero che anche prima dell'attuale sindaca le fermate Atac erano in queste condizioni, ma questo vuol dire che cinque anni sono passati invano, semplicemente buttati, anche in questo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - È vero che anche prima dell'attuale sindaca le fermate Atac erano in queste condizioni, ma questo vuol dire che cinque anni sono passati invano, semplicemente buttati, anche in questo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/RCBrUxna8r
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close