Le isole digitali di Milano: un modello a costo zero per rendere più sicura e tecnologica anche Roma

Isole digitali Milano

Quella che vedete è una delle tante postazioni digitali che Milano ha inaugurato negli ultimi mesi a costo zero. Gli sponsor, infatti, si sono fatti carico dell’intera spesa in cambio ovviamente dell’uso del proprio logo in bella evidenza.

Si tratta di un’idea piuttosto innovativa, ancora non molto diffusa in Europa e che potrebbe essere presa in considerazione anche a Roma in vista del Giubileo. Occorre valutare bene le aree della capitale dove installare queste isole – dato che nella gran parte del centro storico sono vietate simili forme di pubblicità – ma certamente una riflessione si può e deve fare.

Isole digitali Milano Largo La Foppa

 

ALTA TECNOLOGIA. L’aspetto più utile per milanesi e turisti è la possibilità di ricaricare il proprio smartphone o tablet mentre ci si trova in strada. Ogni isola, infatti, è dotata di molte prese elettriche alle quali allacciarsi gratuitamente. Inoltre una rete wi-fi  consente di navigare e scaricare ad alta velocità.

Le isole sono dotate di fari a led a bassissimo consumo che, durante la notte, si accendono solo se qualcuno le utilizza. Altrimenti restano spenti per limitare l’inquinamento luminoso. Tutto ad energia solare e con connettività 4G, dunque senza la necessità di realizzare scavi per portare gli allacci elettrici o telefonici. Un monitor fornisce informazioni su orari dei trasporti, dei musei ed eventi.

Inoltre, una buona parte di queste isole sono dotate di una barra di ricarica per i veicoli elettrici sia privati, sia pubblici. Il comune infatti ha messo a disposizione numerose macchinette elettriche in sharing che accumulano energia ai parcheggi (come quello che vedete qui sotto) o ad una delle isole digitali.

 

Veicoli elettrici Milano
Anche in questo caso lo sponsor ha coperto gran parte dei costi

 

PIU’ SICUREZZA PER LA CITTA’. Infine ogni isola è servita da due o tre telecamere collegate con la centrale della Polizia Locale di piazza Beccaria che permettono di monitorare il territorio e fungere quindi da deterrente per eventuali malintenzionati.

Ci sembra insomma che l’idea sia interessante e valga la pena prenderla in considerazione per un grande evento come il Giubileo. Immaginiamo che alcune di queste postazioni in zone di grande passaggio (intorno a San Pietro, nei pressi delle principali stazioni della metropolitana e ferroviarie) sia un servizio utile per romani e pellegrini e possa dare anche un immagine “meno vecchia” di Roma.

 

 

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Hiv: fino a domenica test senza prenotazione allo Spallanzani e in altri 5 centri.
Per l’European Testing Week ancora più facile sottoporsi a controlli. #Roma, con 5,2 diagnosi ogni 100mila abitanti, resta la città con maggiore incidenza.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »