L’abbandono di Villa Flora, l’area verde più importante del Portuense

Il casino nobile e le serre sono in disfacimento, le fontane spente mentre il parco è rifugio di attività illegali. Il recupero degli edifici e la valorizzazione del giardino

Dietro la vegetazione ormai selvaggia si nasconde l’antica Villa Signorini, un esempio di architettura eclettica di ottima fattura. La torre con le bifore, le colonne e l’intera struttura richiamano i modelli neorinascimentali che ebbero tanto successo nel corso della prima metà del XIX secolo.

Purtroppo l’intero complesso monumentale cade a pezzi e il giardino che lo circonda non sta meglio. L’area, oggi chiamata Villa Flora, è il polmone verde del quartiere Portuense con diversi ingressi su via Isacco Artom e via Giuseppe D’avama. Nella zona non vi sono altri parchi pubblici e i residenti chiedono da anni che il Campidoglio si faccia carico del degrado della villa.

 

Il Comune di Roma nel 1978 comprò l’ex Hotel Flora e il parco circostante allo scopo di farne un’area pubblica. Pochi anni prima, la Regione Lazio l’aveva espropriata alla Casa Generalizia dell’Ordine dei Servi di Maria.

 

 

Il giardino venne realizzato e aperto al pubblico pochi anni dopo ma gli immobili lasciati fin da subito in abbandono. 

Non solo il casino nobile, ma anche due manufatti agricoli e due bellissime serre in ghisa e vetro che sono ormai invisibili perché coperti dalla vegetazione spontanea. E pensare che il quartiere ha estremo bisogno di aree per l’aggregazione e per le attività culturali.

 

 

Nel 2006 alcuni cittadini si costituirono in comitato che chiamarono “Salvaguardia di Villa Flora” ma col tempo anche questa organizzazione spontanea ha tirato in remi in barca. Il mancato ascolto da parte delle istituzioni scoraggia chiunque.

Secondo le denunce di quel comitato, nelle ore serali il parco diventa bivacco di senza tetto e si spaccia. Col tempo il Municipio ha migliorato l’illuminazione notturna e l’illegalità è diminuita ma Villa Flora resta poco fruibile dopo il tramonto, nonostante vi si affaccino numerose palazzine.

Chi si lamenta poco del degrado sono i gatti che vivono nella colonia felina gestita dal Comune. Si tratta di una bella esperienza curata dall’associazione Panda Onlus che mette in contatto i mici da adottare con famiglie desiderose di un animale domestico. A questa pagina del sito dell’associazione si trova un lungo elenco di gatti bisognosi di affetto e di un nuovo padrone.

Ben tenuto anche l’asilo nido comunale che si trova all’estremità del parco, verso via Portuense. Ma, a parte queste due realtà, il resto del giardino versa in condizioni davvero indecorose. Sarebbe auspicabile che una piccola parte del fondi del Pnrr fossero destinati al recupero di questi piccoli gioielli romani che meritano tutt’altra attenzione da parte delle istituzioni.

 


Per le precedenti puntate di Città in rovina, clicca qui

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close