A distanza di pochi giorni dal post precedente che abbiamo dedicato all’assessore alla mobilità del Comune (sinceramente “Assessora alla città in movimento” non si può sentire), riteniamo il caso di parlarne di nuovo a seguito del post da lei pubblicato sulla sua pagina facebook e dedicato alla sicurezza stradale.

Di questo tema ci eravamo occupati già lo scorso marzo, quando Jean Todt, inviato speciale dell’ONU per la sicurezza stradale, aveva fatto visita in Campidoglio. Allora il Sindaco Raggi si era esibita in uno dei suoi soliti pistolotti verbosi e vuoti di contenuti ed il caso volle che a distanza di qualche giorno si verificò a Roma l’ennesimo incidente mortale con vittima un pedone.

 

Ecco il post dell’assessore Meleo:

La sicurezza stradale rappresenta una delle priorità per la nostra amministrazione. Dobbiamo fare i conti con uno scenario che vede a Roma una netta prevalenza dell’uso dell’auto privata e un impiego limitato del trasporto pubblico e della mobilità ciclabile e pedonale nel totale degli spostamenti. E con dati che attestano, solo nel 2015 nella Capitale, 13.128 incidenti con vittime, che hanno causato la morte di 173 persone e 17.153 feriti: una media di 1 morto ogni 2 giorni e 47 feriti al giorno.

Perciò stiamo mettendo in campo interventi che segnino uno spartiacque rispetto al passato. Abbiamo ampliato le competenze della Consulta cittadina della sicurezza stradale, allargandole alla mobilità dolce e alla sostenibilità, e l’abbiamo resa operativa. Prendono il via oggi i lavori, con l’obiettivo di realizzare il processo di progressiva definizione e attuazione del Programma straordinario “Vision Zero”, elaborato dall’amministrazione. Un programma che adotta appunto l’approccio “Vision Zero”, e si basa sull’idea che nessuno, in futuro, debba rimanere ucciso o seriamente ferito a causa di un incidente stradale, chiamando la collettività, istituzioni e cittadini, a contribuire perché ciò non accada.

Il Programma fissa tre tipi di obiettivi, in riferimento a quelli definiti dall’Onu e dalla Commissione europea: di breve periodo, nel biennio, volti a rafforzare conoscenze, strutture e strumenti per consolidare una politica seria e strutturata di sicurezza stradale; individuare le priorità, finalizzare le risorse disponibili e sviluppare le condizioni di fattibilità degli interventi. Quelli di medio periodo, nel quinquennio, in relazione all’obiettivo europeo di riduzione del 50% del numero dei decessi e del 35% dei feriti gravi entro il 2020, rispetto ai valori registrati nel 2010. E gli obiettivi di lungo periodo, nel decennio, secondo le indicazioni dell’“Agenda 2030”, per garantire entro il 2030 sistemi di trasporto sicuri, accessibili e sostenibili per tutti, migliorare la sicurezza stradale, ampliando l’offerta dei mezzi di trasporto pubblici e prestando la massima attenzione agli utenti vulnerabili.

Prevede poi azioni trasversali, per rafforzare il sistema di governo e di gestione della sicurezza stradale da parte dell’amministrazione, il sistema di prevenzione e controllo da parte delle forze dell’ordine, in coordinamento con gli Uffici tecnici, e una cultura della sicurezza stradale, per accrescere i livelli di consapevolezza e percezione del rischio nelle diverse fasce di età, dai più piccoli agli anziani. E azioni specifiche, che puntano a rimuovere e contrastare specifici fattori e componenti di incidentalità, intervenendo sulla sicurezza delle strade, su quella delle persone, sulla sicurezza dei veicoli e sui servizi di soccorso/emergenza e di assistenza sanitaria post-incidente.

L’avvio dei lavori della Consulta e il Programma straordinario “Vision Zero” rappresentano un altro importante passo che testimonia il nostro impegno per la promozione di una mobilità pubblica, sostenibile e sicura nella nostra città.

 

 

… come fosse Antani con doppio scappellamento a destra, aggiungeremmo noi.

 

La cosa incredibile è che a leggere i commenti del post è pieno di “Brava Linda, avanti”, “Questa donna è veramente in gamba e capace” (!?!), “Eccellente”. Per la verità ce n’è qualcuno di critico, tipo:

…questo post è una “supercazzola” o sono io che non capisco quali saranno gli interventi CONCRETI? (non mi aggredite… non sono un troll…anzi simpatizzo da lungo tempo x i 5Stelle…!)

Ma a noi quello che è piaciuto di più è il seguente:

verdone

 

In una realtà fatta di corsie preferenziali invase, sosta selvaggia ovunque, linee del TPL deviate ogni giorno per veicoli in sosta d’intralcio, leggere il vaniloquio dell’assessore Meleo è davvero irritante e ci spinge a chiedere ancora una volta: per quanto ancora il Sindaco Raggi vorrà mantenere in una posizione tanto critica una persona che ha dimostrato totali incapacità ed inconsistenza?

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Via Acireale, S. Giovanni. Questo cartello tagliente mette in serio pericolo motociclisti e automobilisti, oltre ad essere fonte di degrado. #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Via Acireale, S. Giovanni. Questo cartello tagliente mette in serio pericolo motociclisti e automobilisti, oltre ad essere fonte di degrado.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/UkCnFkugYq

In commissione #mobilità si parla del possibile rimborso dei permessi ZTL Potrebbe finalmente sbloccarsi la vicenda del mancato #rimborso per lo spegnimento dei varchi #ZTL ▪️ 👇📰 diarioromano.it/in-commissione… Retweeted by diarioromano

#Stadio della Roma: l’ipotesi Flaminio è una follia I nuovi problemi legati a Tor di Valle hanno fatto emergere l'ipotesi. Per Morassut si può fare. Ma significherebbe rinviare l'opera all'anno del mai... #Roma #26novembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/stadio-della-r… Retweeted by diarioromano

#Roma - dalle ore 10:40 di stamattina i bus del trasporto pubblico in periferia NON sono monitorabili (linee su sfondo blu e bianco ⤵️) Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close