Il Sindaco sui pedoni che però continuano a morire

RaggiTods

 

Lo scorso 3 marzo il Sindaco Raggi così scriveva sul suo facebook:

 

La strada non è solo delle macchine: la strada è dei pedoni, è dei ciclisti e dei bambini. La strada è di tutti e tutti devono poter convivere senza assistere ogni giorno a un bollettino di guerra.

Oggi, alla presenza di un ospite d’onore Jean Todt, presidente della Fia e inviato speciale dell’Onu per la sicurezza stradale, l’Assemblea Capitolina ha approvato una mozione per recepire la Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada e una delibera per ampliare le competenze della Consulta cittadina della Sicurezza stradale rispetto ai temi della sostenibilità, inclusività e accessibilità urbana.

Quindi da ora in poi prenderà il nome di Consulta Cittadina Sicurezza Stradale, Mobilità Dolce e Sostenibilità.
Già in questo nome si esprime un concetto nuovo, ossia la sicurezza deve riguardare tutti gli aspetti della mobilità e deve consentire a tutti di vivere la strada in modo consapevole e sicuro.

Ci impegniamo con azioni concrete a raggiungere un obiettivo: ridurre drasticamente le vittime degli incidenti e rendere finalmente le nostre strade un ambiente sicuro e inclusivo. Ci diamo appuntamento tra qualche mese, numeri alla mano, per vedere insieme i risultati di Roma.

 

Peccato che siano passati solo pochi giorni e la realtà si sia incaricata di ricordare al Sindaco il disastro della situazione di Roma. Il 9 marzo scorso infatti c’è stato l’ennesimo pedone morto sulle strade romane, apparentemente mentre stava attraversando le strisce pedonali.

Sono trascorsi quasi due anni da quando parlammo per la prima volta di “mattanza pedonale” a Roma, presentando anche una modesta proposta per voltare pagina, e non si vede ancora nessun segnale che possa sperare di cambiare le cose. Nulla fece la Giunta Marino sul tema, nulla dal Commissario Tronca ed anche l’attuale amministrazione, ormai in carica da oltre otto mesi, non ha mostrato il minimo segnale di cambiamento rispetto al far west in voga sulle strade romane.

È quindi particolarmente fastidioso leggere le vuote parole del Sindaco a seguito dell’ennesimo pedone falciato a Roma.

E allora lo prendiamo in parola il Sindaco, contando di tornare tra qualche mese a vedere se sarà cambiato qualcosa sulle strade di Roma. Parlando però di numeri, chiediamo al Sindaco di dare oggi quelli relativi, ad esempio, alle multe elevate dagli agenti della Polizia Locale Roma Capitale per mancato rispetto delle strisce pedonali. Pronti a scommettere che oggi non ve ne sia neanche una di multa del genere, considereremmo un valido segnale del nuovo corso il cominciare ad elevarne di sanzioni per mancato rispetto delle strisce pedonali.

Riuscirà il Sindaco in un compito apparentemente tanto semplice?

 

P.s.: tralasciamo per carità di patria qualsiasi commento sul cambio di denominazione della Consulta Cittadina Sicurezza Stradale segnalando solo che le pagine internet ad essa dedicate e quelle che trattano di sicurezza stradale in genere sono ferme al 2014.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Con tutto il ritardo del mondo, partono finalmente le #primarie del centrosinistra. Quattro candidati, per ora, si sfidano per concorrere per il csx alle elezioni di ottobre. Una gara solo apparentemente dall'esito scontato... #Roma #16maggio 👇📰 diarioromano.it/con-tutto-il-r…

Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente). #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente).
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/67G1VFcyqR

Perse ormai le tracce del delegato alla disabilità @andreavenuto, torniamo a sollecitare il ministro @erikastefani71: situazione intollerabile a #Roma, da anni. twitter.com/MercurioPsi/st…

La beffa dei permessi #ZTL non rimborsati è divenuta un rebus irrisolvibile Al caos determinato dai mancati rimborso ai titolari di permesso, causa spegnimento dei varchi, si aggiunge ora una #proroga automatica della scadenza per pochi fortunati #15maggio diarioromano.it/la-beffa-dei-p…

Ovviamente nel far west creato da @AndreaCoiaM5S e @virginiaraggi sono i più deboli a soccombere, ma la sindaca è troppo impegnata a fare propaganda elettorale per accorgersene. twitter.com/rep_roma/statu…

A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rmvB0llQoz

Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? Serve denuncia? Dica dove! twitter.com/MercurioPsi/st…

test Twitter Media - Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? 
Serve denuncia? Dica dove! https://t.co/cInypcz4VA https://t.co/LSQB8gcDD2

#Rifiuti e sfalcio delle erbacce: gli errori imperdonabili della Raggi Dal II e dal III Municipio interrompono la narrazione trionfante della giunta #5stelle che tutto risana. Nessuna autocritica dai grillini e tanta ipocrisia dal #Pd 👇📰 diarioromano.it/rifiuti-e-sfal… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close