La morte di Mirella Belvisi, storica attivista per l’ambiente

Si è spenta la vice presidente di Italia Nostra Roma. Tra le sue mille battaglie appoggiò quella per la riforma dei cartelloni pubblicitari

E’ mancata l’architetto Mirella Belvisi. Aveva 84 anni e da qualche tempo viveva nella sua casa di Cerveteri. Una vita dedicata alla salvaguardia del patrimonio cittadino, era stata anche consigliere comunale nella lista dei Verdi che oggi chiedono le sia dedicato il parco di Tor Marancia. Punto di riferimento di molti comitati e associazioni cittadine, era stata a fianco del gruppo Bastacartelloni durante le battaglie per l’approvazione del Prip, il Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari.
Diarioromano la ricorda con la testimonianza di Ebe Giacometti, attuale presidente di Italia Nostra, che le ha dedicato un articolo molto accorato.

 

 

Si è spenta Mirella Belvisi, l’architetto, l’urbanista romana che con generosità ha dato in tutta la sua vita impulso alle azioni di tutela per Roma e le aree verdi della Capitale e di tutto il Paese. E’ stata encomiabile dirigente della sezione di Roma e pragmatica consigliera nazionale. 

Per me si spegne un’altra figura importante e formativa nel percorso  in Italia Nostra. 

Sono entrata come tecnica ma grazie a Mirella mi sono appassionata alle vicende che necessitavano di far attenzionare i nostri amministratori e politici sui grandi temi del paesaggio italiano e della lotta contro la crescita indiscriminata di una città come Roma, troppo spesso soggetta agli interessi di una classe imprenditoriale romana capace d’influenzare i sindaci della Capitale e le loro Giunte.

Non aveva pregiudizi Mirella. Guardava al cuore e alla sensibilità dei nuovi soci. Gli parlava e insegnava i principi base dell’urbanistica e della tutela della Natura, certa che seminando prima o poi qualcosa sarebbe germogliato grazie alla tradizione culturale della nostra Associazione. 

Impegnata nel partito dei verdi italiani negli anni ’80, non ha mai tradito l’attenzione e l’impegno nel sociale mantenendo un legame di ascolto e confronto stretto tra la sezione romana dell’Associazione e i comitati di cittadini che chiedevano aiuto su tante criticità. Anche nel rapporto con le altre Associazioni ha sempre cercato il dialogo in nome dell’interesse comune.

In questo difficile anno e mezzo di presidenza, era stata sempre disponibile ad un confronto che fosse d’aiuto per guidare l’associazione con moderatezza fuori dal guado conflittuale in cui si era ed è incanalata. 

Mirella era una donna giusta e rappresentava per noi di Roma e del Lazio il riferimento sicuro per i nostri dubbi sull’urbanistica, sulla conservazione della natura e biodiversità, la nostra guida per indirizzare verso una politica corretta.

Era il Genius loci della sezione romana e come tale la ricordiamo e la ricorderemo sempre.

Ebe Giacometti


Le esequie si terranno oggi alle 11.00, nella Chiesa di S. Francesco d’Assisi, in piazza Monte del Gaudio, sulla Trionfale

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria