Intorno alla tenuta di Castelporziano una discarica

C’è un’area tra Roma e il mare che dovrebbe essere tutelata per la sua bellezza mozzafiato. Una pineta selvaggia che costituisce un polmone per la capitale, una macchia mediterranea incontaminata, una villa storica dimora del Capo dello Stato. Castelporziano, la tenuta presidenziale e la pineta sono un orgoglio ambientale. Poche grandi città al mondo possono vantare verde e storia alle proprie porte come Roma.

E invece la strada che costeggia il muro della tenuta del Presidente e che dalla Pontina porta all’aeroporto di Pratica di Mare è un susseguirsi di rifiuti. Barbari che hanno scelto le piazzole di sosta come discariche per divani, vecchi televisori, cucine, materassi. Anche qui la nostra città si sta pericolosamente avvicinando a quelle metropoli africane o indiane dove tutto viene gettato in strada. Abitanti o traslocatori abusivi senza scrupoli hanno deciso che anche questa oasi di bellezza debba essere ridotta a letamaio.

Quando le associazioni antidegrado lottano contro gli adesivi che offrono sgomberi di cantine a 50 euro, lo fanno soprattutto per questo. Perchè sanno che tutto finirà inesorabilmente nei luoghi più belli delle nostre periferie. E’ davvero un problema minore come qualcuno sostiene? Allora guardate queste immagini, sono le piazzole di sosta che costeggiano il muro della tenuta presidenziale di Castelporziano.

castelporziano-rifiuti

castelporziano-rifiuti2

castelporziano-rifiuti3

 

La situazione è questa da diverso tempo ormai, circa due anni. Prima la strada era pulita e si potevano godere i panorami sulle campagne e osservare i pini che svettano dalla tenuta. Poi è bastato che uno cominciasse a gettare rifiuti perchè venisse seguito da molti altri. E se non si interrompe il circuito vizioso sarà sempre peggio.

Questo accade nella città dove tutto è consentito, dove gli arresti per inquinamento ambientale sono rarissimi, dove si ritiene che sversare nel territorio sia un problema minore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »