Il parcheggio nell’Acquedotto Alessandrino

Da molti anni le auto parcheggiano in prossimità e sotto le arcate dell'acquedotto. In quale altra città un manufatto del III sec. d.C. rimane adibito a parcheggio?

Riceviamo e rilanciamo una segnalazione relativa ad una situazione di sosta selvaggia particolarmente odiosa.

 

In data 24/06/2020 il quotidiano La Repubblica si occupò della situazione venutasi a creare tra i quartieri di Roma Centocelle e Alessandrino.

 

 

 

Le storiche arcate monumentali dell’Acquedotto Alessandrino venivano usate come posti auto semi-coperti mettendo a rischio un bene tutelato che risale al III secolo dopo Cristo.

Come se non bastasse il marciapiede di fronte era inutilizzabile dai pedoni a causa delle automobili in sosta selvaggia (tanto la sosta sul marciapiede non viene considerato un intervento tempestivo dalla nostra PLRC) e lo spartitraffico veniva pericolosamente occupato ostruendo la visuale di chi da via dei Pioppi si immette su Viale Palmiro Togliatti.

 

Trascorso quasi un anno la situazione è rimasta invariata.

 

 

 

Non sono stati installati parapedonali per far transitare i pedoni sul marciapiede e per evitare che le automobili si parcheggiassero sullo spartitraffico ma soprattutto l’Acquedotto Alessandrino continua ad essere un parking a cielo aperto.

 

Ah dimenticavo … il comando di PLRC dista circa 1,5 Km dal “parking”.

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Se incidi il tuo nome su un mattone del Colosseo, ti arrestano.
    Se mentre fai manovra “intruppi” con la macchina l’acquedotto e “sdrumi” un mattone, nessuno ti vede e nessuno ti dice niente…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Manco a li cani! L'area cani del Parco della Resistenza, tra l'Aventino e Testaccio, presenta cumuli di rifiuti e panchine distrutte. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Manco a li cani!
L'area cani del Parco della Resistenza, tra l'Aventino e Testaccio, presenta cumuli di rifiuti e panchine distrutte.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/WZHjZXB8ZW

In attesa delle necessarie riforme organiche del commercio romano, ché altrimenti Roma diviene un’unica grande mangiatoia, si dovrebbe intervenire su alcune piccole storture, tipo il parrucchiere non artigiano. @Andrea_Alemanni twitter.com/fabioannovazzi…

@diarioromano A Roma (Nord) un parrucchiere non è “artigiano”, niente SCIA e deve chiudere. Per il decoro del commercio. A Testaccio invece la amministrazione ha capito che i parrucchieri sono artigiani Retweeted by diarioromano

Capito @tobiazevi ? twitter.com/susanna_le/sta…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Manco a li cani!

L’area cani del Parco della Resistenza, tra l’Aventino e Testaccio, presenta cumuli di rifiuti e panchine distrutte.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close