Il parcheggio nell’Acquedotto Alessandrino

Da molti anni le auto parcheggiano in prossimità e sotto le arcate dell'acquedotto. In quale altra città un manufatto del III sec. d.C. rimane adibito a parcheggio?

Riceviamo e rilanciamo una segnalazione relativa ad una situazione di sosta selvaggia particolarmente odiosa.

 

In data 24/06/2020 il quotidiano La Repubblica si occupò della situazione venutasi a creare tra i quartieri di Roma Centocelle e Alessandrino.

 

 

 

Le storiche arcate monumentali dell’Acquedotto Alessandrino venivano usate come posti auto semi-coperti mettendo a rischio un bene tutelato che risale al III secolo dopo Cristo.

Come se non bastasse il marciapiede di fronte era inutilizzabile dai pedoni a causa delle automobili in sosta selvaggia (tanto la sosta sul marciapiede non viene considerato un intervento tempestivo dalla nostra PLRC) e lo spartitraffico veniva pericolosamente occupato ostruendo la visuale di chi da via dei Pioppi si immette su Viale Palmiro Togliatti.

 

Trascorso quasi un anno la situazione è rimasta invariata.

 

 

 

Non sono stati installati parapedonali per far transitare i pedoni sul marciapiede e per evitare che le automobili si parcheggiassero sullo spartitraffico ma soprattutto l’Acquedotto Alessandrino continua ad essere un parking a cielo aperto.

 

Ah dimenticavo … il comando di PLRC dista circa 1,5 Km dal “parking”.

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Se incidi il tuo nome su un mattone del Colosseo, ti arrestano.
    Se mentre fai manovra “intruppi” con la macchina l’acquedotto e “sdrumi” un mattone, nessuno ti vede e nessuno ti dice niente…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »