Il mercatino illegale di V.le Carlo Felice

Una mattina qualsiasi a viale Carlo Felice, dove è ormai fisso il mercatino del rifiuto (o del rubato), del tutto illegale ma apparentemente impossibile da contrastare da parte delle nostre forze dell’ordine. Qualche foto rubata (che gli “esercenti” si inalberano se vedono qualcuno che fa foto).

 

felice5

 

felice4

 

felice3

 

Poi arriva la Polizia ed i venditori si spostano dall’altra parte della strada, in attesa che vada via.

felice1

 

Ed appena via la Polizia si riaprono le esposizioni:

felice2

 

Dopo aver preso preso queste immagini, ci siamo spostati sull’altro lato della strada proprio quando uno di questi straccivendoli svuotava il suo sacco di roba dentro un cassonetto (per non si sa quale motivo); la cosa grave è che il tizio ha svuotato il suo carico di stracci dentro il cassonetto della plastica, mandando a farsi benedire la differenziata in esso contenuta. Chiaramente a questa gentaglia non interessa nulla della raccolta differenziata così come del decoro e della pulizia che ogni strada della città merita.

Viale Carlo Felice poi potrebbe essere una strada modello per Roma, con costruzioni eleganti, ancorché non particolarmente ricercate, delle belle file di alberi ed un giardino che la percorre per tutta la sua lunghezza. Eppure anche un luogo del genere può venir deturpato impunemente per mesi senza che le forze dell’ordine sappiano fare altro che mandare via periodicamente gli straccivendoli.

 

C’è però chi vorrebbe cercare di superare questa situazione e per far ciò sta provando a mettersi in contatto con chi abita sulla strada o nei dintorni ed è disposto a prendere qualche iniziativa. Se siete interessati, o se conoscete qualcuno che potrebbe esserlo, scriveteci al nostro indirizzo (redazione@diarioromano.it) e vi metteremo in contatto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

3 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Cartelloni: come si arrivò alla #riforma tra proiettili e ostruzionismo. L'ex #Sindaco Marino e il consigliere Corsetti (#Pd) si accusano a vicenda di non aver fatto abbastanza. Il nostro racconto di anni duri e pericolosi... #3marzo #Roma 👇📰 diarioromano.it/cartelloni-com…

La situazione della sosta selvaggia in Campidoglio sembra essere migliorata, ma qualcuno che fermi dove capita la propria auto non manca mai. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La situazione della sosta selvaggia in Campidoglio sembra essere migliorata, ma qualcuno che fermi dove capita la propria auto non manca mai.
#Roma  #fotodelgiorno https://t.co/oMzbWHJasb

Se fai un incidente con un #monopattino in #sharing sono fatti tuoi. Le compagnie hanno stipulato la polizza obbligatoria ma tra cavilli e clausole la copertura è molto aleatoria. Meglio prevedere un'assicurazione personale... #2marzo 👇📰 diarioromano.it/se-fai-un-inci… Retweeted by diarioromano

Lettura fortemente consigliata. twitter.com/francis_rojo_/…

#Roma agricola – Cooperativa sociale ARIA Produzione di ortaggi stagionali venduti tramite GAS, ma anche percorsi di #integrazione lavorativa per persone in difficoltà: un altro virtuoso esempio di sinergia tra la sfera #agricola e quella #sociale... 👇📰 diarioromano.it/roma-agricola-…

Al Traforo per eliminare lo scandaloso divieto di transito per le bici hanno aspettato di farci una ciclabile. Alquanto discutibile come scelta, ma finalmente si ripristina la civiltà su quella strada.

test Twitter Media - Al Traforo per eliminare lo scandaloso divieto di transito per le bici hanno aspettato di farci una ciclabile. Alquanto discutibile come scelta, ma finalmente si ripristina la civiltà su quella strada. https://t.co/HaQBZHWiws

Se fai un incidente con un #monopattino in #sharing sono fatti tuoi. Le compagnie hanno stipulato la polizza obbligatoria ma tra cavilli e clausole la copertura è molto aleatoria. Meglio prevedere un'assicurazione personale... #2marzo 👇📰 diarioromano.it/se-fai-un-inci…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close