Il Cinema America sulla stampa internazionale

È dagli inizi della nostra piccola avventura che seguiamo i ragazzi del cinema America. Al tempo se ne andavano in giro a proiettare film su schermi improvvisati in città; lo fecero ad esempio sui muraglioni di Castel S. Angelo oppure organizzando addirittura una prima nazionale (abusiva) al Giardino degli Aranci.

Abbiamo dato conto delle loro tante iniziative, come l’organizzazione del Festival del cinema di Trastevere, con l’arena estiva di piazza S. Cosimato già alla terza edizione, o il progetto di rilancio del cinema Troisi, dopo che i ragazzi si sono aggiudicati la gestione della vecchia sala dismessa da anni, di proprietà del Comune di Roma.

Così come abbiamo dato conto del sistematico disinteresse che le diverse amministrazioni hanno dimostrato di fronte ad una realtà che ha dimostrato in molti modi di saper coinvolgere le persone in iniziative culturali originali, di successo ed a basso costo.

Sbagliò il Sindaco Marino, che in un primo momento sembrò cogliere l’opportunità che i ragazzi potevano rappresentare, salvo poi addirittura provare a sbeffeggiarli tradendo tutte le promesse fatte.

E sbaglia l’attuale amministrazione a non sfruttare le potenzialità che questi ragazzi possono esprimere, per di più in un momento in cui, vuoi per le risorse scarse vuoi per l’incapacità/inesperienza della nuova amministrazione, l’offerta culturale cittadina è ai minimi storici. Non solo, ma il governo M5S ha addirittura provato a boicottare l’arena estiva di Trastevere e solo una presa di responsabilità da parte del Municipio I ha permesso che essa si potesse svolgere regolarmente, peraltro con un successo e numeri straordinari.

 

Avendo quindi noi ben chiaro quale sia il valore di questi ragazzi, non ci stupisce di leggere le loro gesta, oltre che ogni tanto sulla stampa locale, anche sulla stampa internazionale.

Ad inizi agosto ne ha scritto El País

 

Pais

 

… mentre è di questi giorni l’articolo del New York Times.

 

NYT

 

Non sarà mai troppo tardi per l’amministrazione cogliere l’opportunità che questa realtà potrebbe offrire, magari per ridare un po’ di linfa alle periferie che solo a parole sembrano essere nei pensieri dell’attuale governo cittadino.

Purtroppo temiamo che anche in questo caso, come in troppi altri, i cinque stelle scontino un’antropologica incapacità di confrontarsi con realtà esterne al loro movimento. Questa cosa l’avevamo già rilevata per tempo e disgraziatamente siamo stati facili profeti.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Riaperto da questa mattina il Roseto Comunale. Accesso gratuito fino al 16 giugno tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Oltre a 1.200 tipologie di rose, un angolo è dedicato al concorso internazionale sulle nuove varietà #fotodelgiorno

Monopattini: lo sharing “alla romana” non sembra funzionare
Le tre società vincitrici del bando lamentano l’eccessiva onerosità delle corse gratuite per gli abbonati Metrebus. Ma perché a Roma non si fa come a Parigi o Milano?

Trenini in Metro: torna la mostra di modellismo ferroviario. Sabato 20, presso la fermata Malatesta della Linea C, immancabile esposizione di cimeli del trasporto e di modelli Dioarami. Dalle 9.30 alle 19.00 #modellismo #trenini #fotodelgiorno

Insediamenti sotto Ponte Salario: non si fa in tempo a sgomberare che ne appare un altro. L’area è costantemente abitata da senza tetto. A ridosso dell’Aniene un‘enorme discarica con rischio di grave danno ambientale. A #Roma sono ormai 300 le baraccopoli.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria