Il Campidoglio rimuove 300 cartelloni abusivi. Perché non è una buona notizia

Spesi 73mila euro di soldi pubblici per un'attività che sarebbe svolta dai concessionari se solo si fossero fatte le gare. Roma le attende dal 2014
Dal Messaggero del 9 gennaio

 

Tra poco saranno 10 anni dall’approvazione del Prip, il piano regolatore degli impianti pubblicitari. Era una calda notte di luglio del 2014 quando il consiglio comunale votò a larga maggioranza (compresi i 5stelle all’epoca all’opposizione) un provvedimento che avrebbe dovuto riportare legalità e decoro sulle strade della capitale. Inoltre erano previsti tanti servizi a favore dei cittadini quali toilette pubbliche o bike sharing, tutto pagato dalla pubblicità.

L’inedia delle amministrazioni e la forza delle lobby ha bloccato quel processo e nel corso degli ultimi 10 anni pochi passi sono stati compiuti verso una normalizzazione del settore cartelloni. E così capita che ogni anno decine, forse centinaia di impianti abusivi vengano piantati nel territorio e che a farsi carico della loro rimozione debba essere ancora una volta il Campidoglio. Quel Campidoglio che – proprio a causa della mancata applicazione della riforma – perde milioni di euro l’anno in canoni di concessione. Quindi oltre il danno la beffa: Roma incassa meno di tutte le altre città dai canoni concessori e in più deve spendere denaro per tenere sotto controllo il territorio.

Ecco perché la notizia spacciata per buona dall’assessore Lucarelli e ripresa dal Messaggero di martedì scorso, in realtà è una cattiva notizia. Questa operazione di pulizia degli impianti irregolari non dovrebbe farla il Comune ma i concessionari che dovrebbero aver vinto un regolare bando. In pratica chi può legittimamente installare i propri cartelloni, dovrà anche aver cura di rimuovere quelli che non sono autorizzati. La procedura è prevista in tanti bandi analoghi che sono stati aggiudicati nelle altre città italiane ed europee: se tu ditta hai pagato del denaro per avere l’esclusiva su un certo quadrante, avrai tutto l’interesse a tenere indenne il territorio dagli abusivi per cui segnalerai ai vigili l’impianto irregolare e, dopo il verbale, sarai autorizzato a rimuoverlo.

Sebbene l’assessore Lucarelli abbia ripreso in mano il dossier pubblicità e abbia promesso i bandi entro i prossimi mesi, lo scetticismo è d’obbligo. Il dipartimento Attività Produttive si trova a fronteggiare la categoria degli ambulanti per i quali vorrebbe fare le gare così come previsto dalla direttiva Bolkestein e richiesto addirittura dal Presidente della Repubblica nel suo messaggio televisivo di fine anno. Un fronte troppo caldo perché ne apra anche un altro altrettanto difficile quale è la cartellonistica.

Le imprese pubblicitarie lottano da anni per mantenere lo status quo, una situazione di tutto vantaggio per loro. Infatti pagano bassi canoni, vedono i propri impianti sopravvivere per decenni e si dividono il territorio senza troppo sgomitare. Nel caso in cui fossero fatti i bandi, molte ditte sarebbero tagliate fuori o al limite sarebbero costrette a consorziarsi ma come pre-requisito dovrebbero dimostrare di essere in regola su tutto.  Per evitare un’ulteriore tagliola hanno fatto pressione sulla politica per dilazionare alle calende greche la messa a regime della riforma del 2014.

E probabilmente ci riusciranno anche stavolta.

 

 

Condividi:

3 risposte

  1. Come dichiarato nell’intervista pubblicata dal quotidiano La Repubblica, l’assessora Lucarelli intende passare “dal regime delle autorizzazioni al regime delle concessioni attraverso bandi”, sulla base del modello del partenariato pubblico-privato indicato dallo stesso Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive dott. Francesco Paciello nel corso della audizione che ha avuto con la Commissione Commercio il 1 febbraio 2023.
    In base al suddetto modello verrebbe dal privato presentata una proposta progettuale che viene valutata dall’amministrazione e contingentata nella conferenza dei servizi: se la proposta viene approvata, si manda avanti.
    Riguardo al modello del partenariato pubblico-privato non è stato a tutt’oggi specificato come esso possa essere attuabile con i Piani di Localizzazione degli impianti pubblicitari approvati approvati più di 6 anni fa, lasciando anzi capire di volerne o comunque poterne fare a meno, affidando però in tal caso all’iniziativa privata una impossibile (oltre che inaccettabile) pianificazione del territorio di Roma, dal momento che rischia di far autorizzare l’installazione sul territorio di un numero di cartelloni pubblicitari pari se non addirittura superiore a quello attualmente censito intorno alle 30.000 unità (vale a dire il doppio dei 15.000 impianti previsti dai Piani di Localizzazione).
    Va invece evidenziato – come fatto da VAS in una nota del 18 febbraio 2023 – che si possono comunque mettere a gara per lotti tutte le posizioni individuate dai Piani di Localizzazioni su cui installare gli impianti pubblicitari da assegnare in gestione decennale a chi di aggiudicherà i diversi lotti, assicurando in cambio il “servizio” offerto tra quelli scelti dal Comune e non certo dal privato, a partire dal servizio di bike sharing.
    Alla suddetta nota non è stato mai dato seguito.

  2. Hanno ricominciato a piantumare cartelloni in tutta la città . Proprio stanotte spuntato uno nuovo della Nuovi Spazi in piazza Albania di fronte civico 9. In violazione al codice della strada .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Ci sono strade, ad esempio via della Croce, che sono ormai una distesa di tavoli senza alcuna regola, da anni, dove è difficile anche camminare a piedi!
Sarebbe interessante avere un aggiornamento dal pres. @Andrea_Alemanni, che dovrebbe occuparsi di OSP nella sua commissione.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria