Ieri un lettore, che si è siglato M. M. ci ha mandato la foto di un cestino dei rifiuti rivoltato nel mezzo dei giardini di piazza Re di Roma, aggiungendo che non mancava nulla nel quadretto di degrado romano. L’abbiamo pubblicata nella rubrica dei lettori ma da sola, quella foto, non rende l’idea di come sia ridotto lo spazio verde al centro della piazza.

Roma Pulita! ha girato un video che mostra in pochi minuti non solo le condizioni del giardino con rifiuti, bottiglie, scritte ma soprattutto racconta cosa sono diventati gli abitanti di Roma. Una parte di loro è talmente assuefatta a vivere in condizioni indegne che siede a chiacchierare e bere in mezzo ad una specie di discarica con totale disinvoltura. Altri, invece, sono coloro che hanno provocato questo schifo, che la notte prima hanno rivoltato tutti i cestini dei rifiuti, hanno lasciato decine di birre sulle panchine, hanno taggato ogni superficie.

Chi è più colpevole tra i due gruppi? Chi vive con indifferenza tutto questo o chi lo causa? La risposta che darebbe la gran parte delle persone è che la colpa dovrebbe ricadere su chi sporca. E invece il problema sta proprio nel girarsi dall’altra parte, nel ritenere tutto questo inesorabile come il tempo che passa. Se solo il 20 o il 30 per cento degli abitanti di questa città si ribellasse, mettesse in pratica quei meccanismi di riprovazione sociale nei confronti di chi provoca degrado comuni al resto del mondo, la città cambierebbe in pochi mesi.

E invece si continua a vivere nell’indifferenza più totale. Un video come questo non sarebbe immaginabile a Milano, Torino o in qualsiasi altra città europea. Perché solo Roma deve fare eccezione?

Quale candidato Sindaco ha capito come incidere questa piaga?

 

re di roma degrado 2

re di roma degrado

re di roma degrado 3

re di roma degrado 4

 

Immagini tratte dal video girato da Stefano Miceli

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close