I parapedonali che finanzieranno le strisce: ecco cosa sono e come funzioneranno

ViaPietroBembo

 

L’annuncio di qualche giorno fa da parte dell’assessore Pucci aveva messo in allarme più di una associazione cittadina. Secondo la delibera approvata dalla giunta capitolina, a pagare la riverniciatura di molte strisce pedonali a Roma sarà uno sponsor.

Poichè l’assessore aveva parlato di parapedonali e dato che – come saprete – a Roma è in corso la riforma del comparto della pubblicità esterna, ci domandavamo come fosse possibile che nelle more della sua applicazione un assessore se ne uscisse con un progetto del tutto scollegato. I dubbi erano stati ben espressi dal sito romano di Vas, sul quale l’architetto Bosi si chiedeva quale sarebbe stato il futuro di questi parapedonali una volta approvati i piani di localizzazione del Prip.

Ebbene sia fonti dell’assessorato al commercio, sia dall’ufficio affissioni e pubblicità è arrivato un chiarimento: non si tratterà di parapedonali come li intendiamo oggi a Roma (quelli che vedete nella foto qui sotto), ma di targhe che riporteranno semplicemente il logo dello sponsor.

Cavour nuovi parap mag 13 5

 

Non sarà insomma un pannello aperto alla pubblicità che potrà cambiare ogni tot giorni, ma un’attività commerciale o professionale potrà farsi carico delle spese delle strisce in cambio dell’esposizione del proprio logo.

Messa così non possiamo che essere d’accordo. Sul sito bastacartelloni, avevamo mostrato diversi esempi di questo tipo nel mondo, a partire da quello di New York che vedete qui sotto e che finanziava la cura di un’aiuola.

arredo urbano 5

 

Secondo la delibera, infatti, le targhe sponsor non dovranno superare le dimensioni di 60×50 cm, per una superifice complessiva di 300 cm quadrati. Si tratta di un limite previsto dall’attuale normativa sotto il quale non si parla più di pubblicità in senso stretto ma di una semplice esposizione di un logo o di un marchio.

Date le condizioni pietose della gran parte degli attraversamenti pedonali di Roma, ogni soluzione che possa renderli più visibili è la benvenuta. Sarebbe meglio utilizzare non tanto la vernice che si sbiadisce dopo poche settimane ma materiali termoplastici come prassi in quasi tutte le città del mondo.

 


Per chi volesse approfondire l’aspetto tecnico e normativo di questa vicenda, consigliamo l’articolo dell’architetto Bosi pubblicato sul sito Vas Roma.

Condividi:

Una risposta

  1. Chiarimento utile, grazie.

    Io proporrei misure inferiori, 40×30 max, dovrebbe essere più che sufficiente per una città come Roma. Senza contare che l’esposizione di un logo in alcuni luoghi particolarmente preziosi dovrebbe consentire di pagare le strisce in più punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB

"Con l'auto di SERVIZIO butta sacconi neri FUORI dai cassonetti"😱😤🤬 (ex?) coordinatore della piattaforma #roma5stelle 5⭐️ per la #Raggi.. #honestà! Retweeted by diarioromano

Dopo sette anni il restringimento di via Nairobi è sempre lì. L'intervento previsto per lo scorso aprile è stato annullato per sopravvenute complicazioni alla galleria dei sottoservizi e a settembre andrà trovata una nuova soluzione... 👇📰 diarioromano.it/dopo-sette-ann…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close