I nuovi treni per le metro A e B potrebbero non arrivare in tempo per il Giubileo

Il Tar accoglie il ricorso della seconda classificata. A rischio l'ordine da 253 milioni per 30 convogli. I giudici: serve la perizia di un esperto. Prossima udienza l'8 giugno

 

Mai come in questi giorni la città subisce le conseguenze dello stato disastroso della metropolitana. La linea B1 è rimasta ferma più di una volta “per mancanza treni”, mentre i tempi di attesa sono ormai da tradotte regionali e non certo da capitale occidentale.

Il rinnovamento della flotta è ritenuto indispensabile da diversi anni, tanto che nel 2017 il governo Gentiloni stanziò 425 milioni per la “manutenzione urgente” dei treni romani. Di questi 425 milioni, 134 erano destinati all’acquisto di un primo lotto di 14 nuovi treni. Come sia andata a finire è noto a tutti: quei soldi non sono mai stati spesi per la goffaggine della giunta Raggi e per la paralisi di Atac. 

Solo a maggio del 2021, quindi ben 4 anni dopo, l’avviso di gara venne finalmente pubblicato e si chiuse a settembre del 2021. Due mesi dopo, il Ministero dei Trasporti aveva integrato lo stanziamento iniziale con altri 160 milioni derivanti dal fondo investimenti.

Dunque l’accordo quadro complessivo (per un valore di 253 milioni) aveva visto finalmente una conclusione, venendo aggiudicato l’appalto a CAF, il Consorzio spagnolo che già aveva fornito nei primi anni 2000 i 45 nuovi treni della linea A e nel 2013 18 convogli per la linea B.

Il Consorzio CAF si era impegnato a consegnare entro il 2025, cioè entro il Giubileo, 23 nuovi treni per la linea B e 7 per la A.

Ma settimana scorsa il Tar ha gettato una secchiata d’acqua fredda su chi già sognava un parco mezzi rinnovato. Ha sospeso l’aggiudicazione accogliendo le obiezioni della seconda classificata, la Hitachi Rail STS. I problemi sollevati – spiega l’ordinanza del giudice amministrativo – sono di natura estremamente tecnica e “non appaiono prima facie implausibili“. Insomma, qualche fondamento nel ricorso di Hitachi c’è ma il Tribunale non è in grado da solo di dirimere la questione, per cui si è affidato ad un professore universitario della Facoltà di Ingegneria della Sapienza. Sarà questo super consulente a verificare se il punteggio assegnato a CAF sia stato corretto. Nel frattempo tutto sospeso.

Il timore che le cose adesso vadano per lunghe è molto concreto e – sebbene la prossima udienza sia stata fissata per l’8 giugno – il rischio che la fornitura non sarà completata entro il 2025 si fa elevato.

Non è certo la prima volta che i ricorsi al Tar bloccano processi che la città attende da anni e quando questi si assommano alla inefficienza della politica, il mix che ne scaturisce è micidiale.

Tra le due aziende, i rapporti non sono mai stati buoni. Già nel 2019, la Hitachi bloccò una importante fornitura di treni ETR500 a Trenitalia che era stata vinta da CAF. Anche in quel caso un ricorso al Tar fu decisivo.

Senza i nuovi treni, la metropolitana di Roma rischia un drammatico collasso. Negli ultimi anni non si è fatta manutenzione e non sono state programmate le revisioni di legge. Senza una deroga, ottenuta in extremis, oggi la gran parte dei treni sarebbe nei depositi. Nelle ultime settimane si sono aggiunti i sabotaggi di un tornio che serve per regolarizzare le ruote e di altri macchinari. Pensare che nel 2025, la capitale possa affrontare l’afflusso di milioni di pellegrini in queste condizioni di trasporto fa solo venire i brividi.


 

Per l’ordinanza del Tar cliccare qui

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close