I cassonetti interrati: soluzione di civiltà

cassonetti interrati firenze

cassonetti interrati firenze2

cassonetti interrati firenze3

cassonetti interrati firenze4

 

Ecco come stanno trasformando la raccolta in strada a Firenze. Queste foto ci arrivano da Corrado G. che ha notato la differenza tra i nostri cassonetti scassati e traboccanti di rifiuti, con questi del capoluogo toscano.

La ricetta dell’interramento è ormai sperimentata in molte città del mondo. Nelle grandi capitali, in realtà, i cassonetti non esistono più da tempo sostituiti da una raccolta porta a porta capillare. Laddove però non sono stati ancora eliminati, i cassonetti sono stati messi sottoterra.

I vantaggi sono tanti. In primo luogo diventano assai più capienti. Infatti il vano sotto il livello stradale può essere di dimensioni fino a 5 volte quello dei cassonetti su strada. In secondo luogo la raccolta può essere molto più diradata: essendo più grandi non necessitano di uno svuotamento quotidiano e questo consente risparmi all’azienda per l’ambiente che può inviare un numero minore di squadre.

In terzo luogo diventa impossibile per i rovistatori raccogliere rifiuti e spargerli ovunque. La profondità dei contenitori impedisce di arrivare in fondo e il fenomeno del rovistaggio viene automaticamente annullato.

Impossibile poi vandalizzarli, rivoltarli o renderli lavagne per graffiti o adesivi. La parte fuori terra, infatti, è piccola e non dà “soddisfazione” ai vandali.

Insomma una serie di vantaggi per il decoro urbano che sono diventati un dato oggettivo. Nella sola città di Firenze sono state realizzate 67 fosse che possono ospitare fino a 200 cassonetti. Si tratta di contenitori intelligenti alimentati da energia solare. Un microchip avverte la centrale se il cassonetto è pieno e lancia l’allarme in caso di incendio. Conoscere la quantità di rifiuti nel cassonetto permette di far circolare meno mezzi e quindi di aiutare l’ambiente. Inoltre si possono ricavare dati statistici importanti sulle zone della città e sulla quantità di umido o di plastica da riciclare.

La giunta Marino aveva promesso di sperimentarli a Trastevere e poi in caso estenderli in altri quartieri di Roma. La nuova giunta? Vedremo!

 

Condividi:

Una risposta

  1. Certamente la soluzione è buona e, dove mi è capitato di usarla, comoda. Presenta qualche problema secondario se l’apertura degli scarichi fosse collegata ad un’App che identifica l’utente… ma comunque buona soluzione.
    Si può dire che Trastevere non sembra il luogo migliore dove cominciare a scavare le fosse necessarie ad alloggiare i cassoneti interrati? No?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »