Gra: tornata la luce sul 70% del tracciato. Nuovo reato di furto di rame

nuova-illuminazione-gra

 

Ogni tanto una buona notizia vogliamo darla anche noi. In mezzo allo sfacelo che colpisce Roma sotto ogni fronte, qualche passo avanti si registra sul tema dell’illuminazione del Grande Raccordo Anulare. Spento da quasi 3 anni a causa dei continui furti di rame, aveva registrato un notevole incremento degli incidenti durante le ore notturne. L’anello, infatti, viene percorso da automobilisti non sempre avvezzi alla guida sull’autostrada. I lampioni possono rendere più sicura la circolazione.

L’Anas ha fatto sapere di aver riattivato la luce su quasi il 70% del percorso. La parte restante sarà completata entro la fine di novembre. Un lavoro impegnativo che ha comportato la sostituzione di 400 km di cavi elettrici, con la creazione di speciali cunicoli appositamente studiati per evitare i furti. Inoltre al posto del rame, viene utilizzato l’alluminio meno appetibile per i ladri. L’intervento è costato 14 milioni di euro e ha visto già a giugno la riaccensione della Roma – Fiumicino. Le vecchie lampade ad incandescenza sono state sostituite con moderni led che consentono di risparmiare il 35% di energia.

Anche se ci sono voluti anni (in un mondo normale sarebbero bastati pochi mesi) finalmente il Gra torna ad essere messo in sicurezza. Nel frattempo una illuminazione suggestiva è stata inaugurata sul ponte Morandi, quello che collega il viadotto della Magliana con l’autostrada per Fiumicino. Le arcate in cemento armato cambiano colore ogni 4 secondi grazie ad un impianto a led RGB che promette di durare molti anni.

viadotto-morandi
La nuova illuminazione del viadotto Morandi

 

 

La piaga dei furti di rame non cessa purtroppo. In genere rom o cittadini dell’est lo trafugano da linee elettriche, ferroviarie, impianti privati di qualsiasi genere per poi rivenderlo sul mercato nero. L’Italia è la meta prediletta di questi ladri e in special modo Roma, dove – come è noto – i controlli sono pari a zero e chiunque si sente nella possibilità di commettere ogni tipo di reato senza essere punito. La Camera, finalmente, ha approvato una legge che rende il furto di rame un reato specifico con pene molto severe. La fattispecie introdotta nel Codice Penale è “Furto in danno di infrastrutture energetiche e di comunicazione”. La reclusione prevista va da uno a sei anni con la possibilità di aumentarla fino ad 8.

Troppe volte nei campi rom sono stati trovati depositi di rame rubato e gli autori del reato subivano una condanna lieve, con alte possibilità di farla franca. C’è da augurarsi che col nuovo reato le cose cambino. Resta ancora il problema dei tombini in ghisa, asportati da viadotti e strade creando seri pericoli alla circolazione. E’ il caso del viadotto dei Presidenti che è rimasto senza tombini per anni o di molte altre arterie romane. Il nuovo reato potrebbe non includere questa tipologia di furto, mentre sarebbe giusto equipararlo in modo da limitarlo per quanto possibile.

viadotto-presidenti-furti-tombini-2
Tombino rubato sul viadotto dei Presidenti

 

 

Ma dal Gra arriva un’altra notizia positiva. Grazie ad un accordo tra Anas, Galleria d’Arte Parione e Retake Roma, alcuni sottopassi oggi degradati verranno ripuliti e decorati da murales. Il primo è quello di via Michele Migliarini a Gregna Sant’Andrea dove sono stati realizzate 5 splendide opere di street art sui temi della natura e della giungla urbana.

sottopasso-via-migliarini-murales
Un murales del sottopasso di via Migliarini

 

 

La stessa cosa era stata fatta lo scorso gennaio per il sottopasso di via Lucrezia Romana e presto altre aree in abbandono torneranno a vivere grazie ai volontari. L’importante è che poi vengano mantenute in buono stato e non ripiombino nel degrado precedente dopo pochi mesi.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Corso Trieste: i pini sottoposti a test di tenuta.
Domenica i tecnici dell’Ufficio Giardini hanno provato la resistenza degli alberi davanti al Giulio Cesare. Ulteriori prove su tutta la strada nel mese di marzo.
#fotodelgiorno

Ancora schiaffi in faccia ai vigili romani!
Nuovo giro di affissioni dei cartelli abusivi gialli del solito traslocatore, come a dimostrare che il territorio lo controlla lui e non la Polizia Locale. Tutto a posto comandante De Sclavis?
@gualtierieurope

Finisce l’inverno e tornano le erbacce che nessuno estirpa.
In primavera occorre diserbo e manutenzione. Nella foto le aiuole di piazza Palombara Sabina dove non si fa alcun intervento.
#fotodelgiorno

#CheAriaFa a #Roma e nel #Lazio? Ieri 27/02/2024 nessuna centralina ha superato i limiti di legge per #pm10: https://www.arpalazio.net/main/aria/sci/qa/misure/PM10.php
@SNPAmbiente @ISPRA_Press @ConsiglioLazio #ARPALazio #Ambiente

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria