Gassman, Santamaria, Proietti, Montesano. Gli attori e il degrado di Roma

gassmann

E’ stato Alessandro Gassman a mostrarsi su Twitter con una scopa in mano spiegando di aver appena pulito la stradina del centro storico dove abita. E ha anche annunciato che presto rimuoverà le scritte dai muri e dal pavimento. L’hashtag #Romasonoio lanciato a luglio da Gassman ha fatto molto discutere: invitava i romani ad armarsi di guanti e rastrello e dare una ripulita alla città.

Claudio Santamaria ha pensato invece di fare un giro nel parco di Colle Oppio per mostrare ai lettori del Fatto Quotidiano le condizioni disastrose della zona verde ai piedi del Colosseo. Rifiuti, bivacco, erba incolta. L’attore mostra il suo volto più indignato.

 

Gigi Proietti è intervenuto più volte nelle ultime settimane sulla situazione romana. E’ addolorato perché la sua città – ha scritto al Messaggero –  “dal dopoguerra ad oggi è la prima volta che si trova in simili condizioni“. E non si riferisce solo alle buche, alla sporcizia e al degrado, ma anche alla diarchia Sindaco-Prefetto che non ha precedenti.

Gigi Proietti

 

Enrico Montesano è convito che tutte le colpe siano di Marino tanto che, dalle pagine de Il Giornale, lo invita a lasciare la poltrona insieme “alle mille persone che formano il suo codazzo“.

Enrico-Montesano-14

 

Insomma il cinema e il teatro prendono posizione per difendere Roma.  L’interesse di grandi attori al tema è sicuramente utile a far risvegliare le coscienze di molti cittadini che sono ormai abituati a questo stato di cose e che lo vivono con apatia e indifferenza. Ma non è detto che gridare allo scandalo sia sufficiente. Da un personaggio pubblico, da un attore, da un intellettuale ci si aspetterebbe anche un’analisi più approfondita delle cause che hanno portato a questa situazione.

Prendere la scopa e pulire come invita Gassman è sicuramente un ottimo gesto. Ma di per sé può sortire perfino un effetto contrario: può cioè suscitare ancora più odio nei confronti delle istituzioni da parte della gente comune che si sente derubata da tasse che in cambio non offrono alcun servizio.

Mostrare il degrado di Colle Oppio, come fa Santamaria, è una denuncia sacrosanta ma è la stessa cosa che fanno i blog, i gruppi su facebook, le cronache dei quotidiani locali.

Così come attribuire tutte le colpe a Marino e alla sua Giunta come fa Montesano è sicuramente troppo semplicistico e potrebbe ingenerare la falsa convinzione che basterà cacciare l’attuale Sindaco per riportare Roma a condizioni dignitose.

Insomma, senza voler dare lezioni di comunicazione a grandi attori che sanno calcare le scene meglio di chiunque altro, da loro ci aspettiamo qualcosa in più. Gassman dopo aver pulito la sua strada e cancellato le scritte solleciti la cancellazione immediata di nuove scritte appena appaiono da parte dell’Ama.  Organizzi un team tra abitanti, portieri e negozianti della zona che vigilano sull’area appena ripulita, dando un esempio di organizzazione diversa.

Santamaria si domandi se per chi bivacca a Colle Oppio e lascia i propri rifiuti sia stata studiata una soluzione alternativa; siano stati proposti luoghi di accoglienza oppure se siano mai stati multati e/o arrestati per abbandono di rifiuti.

Montesano, che non è un ragazzino, faccia risalire le responsabilità politiche ben più indietro dei due anni di Marino, per spiegare ai suoi seguaci che la politica deve cambiare alla radice, a prescindere dallo schieramento. E che il decoro non è mai stato primario per nessun Sindaco (tranne forse un po’ Rutelli) e che queste sono le ovvie conseguenze.

Insomma gli attori, gli intellettuali aggiungano qualcosa a quello che possiamo fare tutti noi. Altrimenti del loro (benemerito) impegno non resterà nessuna traccia.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Botteghe storiche e artigiani: un #patrimonio da salvare Il consiglio regionale approva la legge. #Formazione per i mestieri a rischio di estinzione e fondi per promuovere l'eccellenza. Ne sono rimaste 900: erano 5000 negli anni '90 solo in centro 👇📰 diarioromano.it/botteghe-stori…

Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. 

A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/bejgmcfB8y

#Trasporti. E se il PUMS andasse ripensato? Uno studio dell'Associazione Roma Ricerca Roma mette in evidenza i limiti del Piano e propone una #rivoluzione del ferro: 4 metro e tram. Ma non quello ai Fori... 👇📰diarioromano.it/trasporti-e-se… Retweeted by diarioromano

Il DG aveva detto a @rep_roma che avevamo 200 spazzatrici funzionanti, smentendo noi che sostenevamo ce ne fossero meno della metà operative. Nonostante il supporto di ditte private ancora c'è molto da fare. Vorremmo tanto credergli come fanno @Sabrinalfonsi e @gualtierieurope Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close