Flaminio: una roulotte in fiamme mette a rischio una collina. Ma perché era lì?

Roulotte rom in fiamme 3

 

Non è un normale incendio quello che è accaduto una decina di giorni fa in viale Maresciallo Pilsudski, a pochi passi dallo stadio Flaminio. E’ un evento che prima o poi tutti sapevano sarebbe accaduto, soprattutto gli abitanti del quartiere che da tempo segnalavano la presenza in zona di numerosi camper e roulotte parcheggiati qui e là e utilizzati come case di fortuna. Dopo diversi esposti alla polizia di Roma Capitale, a fine gennaio il piccolo accampamento improvvisato davanti ai cancelli dello stadio fu sgomberato. Ma le roulotte sono rimaste in zona. Una di queste è stata depositata a poche centinaia di metri. Al suo interno alcuni rom che ci trascorrevano la notte.

Forse per una sigaretta accesa o per un guasto alla bombola del gas, la roulotte ha preso fuoco e le fiamme, altissime e difficilmente domabili, hanno sfiorato per ore la macchia verde di via San Valentino. I pompieri sono riusciti a tenerle sotto controllo, ma il rischio che gli alberi prendessero fuoco e l’incendio si espandesse all’intera collina è stato alto. Molte famiglie sono rimaste sveglie col fiato sospeso, temendo di dover abbandonare le case.

 

Roulotte rom in fiamme 2
La bombola del gas forse colpevole dell’incendio

 

Roulotte rom in fiamme 5
Una piccola bicicletta, segno che anche un bambino viveva qui

Roulotte rom in fiamme 4

Nelle gran parte delle città europee è impossibile campeggiare nei quartieri abitati. Oltre al rischio di incendio, ci sono una serie di problemi di carattere igienico e pratico. Dove vengono scaricate le acque nere del bagno? Come vengono ricaricate le batterie che forniscono energia elettrica? Ecco perché, ad esempio in Francia, è severamente vietato sostare durante la notte in una strada cittadina ma occorre cercare dei veri e propri camping o delle aree pubbliche attrezzate dove viene fornita la possibilità di scaricare i liquami e di accedere all’acqua corrente.

Casi di accampamenti simili si sono registrati in diversi quartieri di Roma. Ad esempio di fronte l’ingresso del Parco del Pineto, in via Albergotti, per mesi gli abitanti e il gruppo Volontari Decoro XIII° hanno chiesto che venissero sgomberati due grossi camper che ospitavano tre famiglie.

Cattura
I due camper davanti al Parco del Pineto

Sembra insomma necessario che anche a Roma sia introdotta una norma che vieti la sosta di questi mezzi nelle zone abitate. Un’ordinanza del Sindaco che spieghi le motivazioni igieniche e di sicurezza pubblica sarebbe la base per sanzionarli. Nel contempo si dovrebbero allestire delle aree attrezzate, con allaccio di acqua ed elettricità, ma vigilare che vengano usate dai turisti e che non diventino accampamenti per senza tetto o rom. Anche il turismo su gomma andrebbe incentivato a Roma, dato che l’Italia è uno dei paesi meno ospitali per roulotte e camper.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Hiv: fino a domenica test senza prenotazione allo Spallanzani e in altri 5 centri.
Per l’European Testing Week ancora più facile sottoporsi a controlli. #Roma, con 5,2 diagnosi ogni 100mila abitanti, resta la città con maggiore incidenza.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »