“Fermate Sfigate”, quei luoghi dove aspettare l’autobus è un’esperienza da brivido

L'associazione TUTraP-APS ha iniziato uno studio delle fermate TPL più pericolose, per poi consegnare i risultati alla Consulta per la Sicurezza Stradale e richiedere al Comune interventi urgenti

In contemporanea con il quotidiano “la Repubblica” e con il sito dell’associazione Tutrap-Aps, pubblichiamo la prima parte di una denuncia che merita approfondimenti e azioni da parte del Campidoglio

 

A Roma purtroppo non c’è alcun posto per strada dove i pedoni siano veramente al sicuro. Non lo sono sui marciapiedi, dove continuano ad avvenire investimenti mortali da auto fuori controllo per la folle velocità, per non parlare dei tanti scooter, bici, monopattini che scorrazzano allegramente negli spazi a loro vietati, almeno in teoria. Figuriamoci poi dove non ci sono proprio marciapiedi.

Il problema si pone principalmente dove il pedone è costretto a rimanere (suo malgrado), anche per moltissimo tempo sul ciglio della strada in attesa di un bus, esponendosi a rischi elevati a causa di auto, camion, pullman che gli sfrecciano davanti come missili.

L’Associazione TUTraP-APS, a Tutela degli Utenti del Trasporto Pubblico, ha iniziato uno studio delle fermate più pericolose, per poi consegnare i risultati alla Consulta per la Sicurezza Stradale e richiedere al Comune interventi il più urgenti possibili.

A tal fine l’Associazione si appella a tutti gli utenti affinché segnalino le fermate più pericolose o “sfigate” che gli capita di frequentare.

Ad esempio la fermata del 118 e 660 (n.73165) fuori il complesso delle Catacombe di San Sebastiano (un luogo dall’elevato valore storico, religioso, turistico), con auto, camion, pullman che sfrecciano come missili davanti ai turisti e pellegrini spiaccicati sul muro senza marciapiede.

 

 

Oppure il capolinea della nuova linea bus 91 “Express” a Battistini, dove c’è anche il capolinea del 46B e la fermata delle linee 146, 546, 916, 980, 985, queste ultime costrette a far salire/scendere i passeggeri in mezzo la strada, creando situazioni di grave pericolo.

 

 

Qui in Via Appia Antica, appena fuori Porta San Sebastiano, non c’entra nemmeno la palina per le linee 118, 218 (n.71329). Per le auto ampio spazio e su fondo sampietrini, che con la pioggia…

 

 

La “fermata della morte” delle linee tram 3 e 19 in Via Aldrovandi (Villa Borghese), letteralmente in mezzo alla strada e senza isola pedonale. La speranza è che auto/scooter si fermino sempre.

 

 

Ci sono poi le fermate pressoché inutilizzabili perché perennemente invase dalle auto parcheggiate, addirittura sul marciapiede (dove presente) come la n. 77592 delle linee 82 e 338.

 

 

Un altro esempio è la fermata in Via dei Monti di Primavalle, di fronte al capolinea Battistini della MetroA, perennemente utilizzata come parcheggio, conseguenza anche del fatto che il parcheggio di scambio per la Metro è del tutto insufficiente.

 

 

Ma grossi problemi ci sono anche in pieno centro di Roma, pensiamo alle fermate con marciapiede sconnesso e/o invaso dai tavolini della ristorazione o dalle bancherelle, con pochissimo spazio per tutti. Come questa (n. 70940), per il tram 3 proprio di fronte al Colosseo..

 

 

C’è poi la “cupa” e assordante fermata nel sottopasso in Corso d’Italia (n. 71409) per le linee 490, 495 e 89

 

Ci sono poi le fermate ad “alta velocità”, come questa sul Grande Raccordo Anulare, da vero brivido per l’effetto aerodinamico dei mezzi che sfrecciano oltre i 100 km/h..

 

 

Molte altre sono le fermate segnalate, le stiamo raccogliendo su questa mappa:

https://www.google.com/maps/d/u/0/viewer?ll=41.89623669700255,12.347357261714883&z=12&mid=1HgjSBlSCrWeFdnQP5Yk5xYAklBJlqhM

 

Altre problematiche evidenziate sono le fermate con i cassonetti davanti, che costringono gli utenti a stare in mezzo la strada, sia per vedere (e farsi vedere da ) i bus in arrivo, sia per evitare l’odore nauseabondo. Inoltre le fermate che riportano identificativo errato, e quindi sono inutili per le app. Oppure quelle non aggiornate, che riportano ad esempio doghe di linee soppresse da anni e che quindi non passeranno mai per quella fermata.

Infine ulteriori problematiche, che qui riportiamo da segnalazioni di anni passati: ad esempio la fermata illeggibile in Via Veneto perché coperta da tendone di ristorante (ora non è più così, ma è realmente accaduto).

 

 

Oppure la fermata n. 77143 sulla Litoranea/cancello 8, completamente coperta da vegetazione. Un fatto che potrebbe riproporsi, anche in altre fermate.

 

 

L’elenco sarebbe ancora lungo ma ci fermiamo qui, per ora.

L’Associazione invita gli utenti del trasporto pubblico a “salire a bordo” con gli altri iscritti, segnalare altre fermate “sfigate” ed eventualmente proporsi come “Mastro di linea”, ovvero come “sorvegliante” di una linea sulla quale segnalare tutti i disservizi riscontrati.

Condividi:

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Stiamo perdendo anche Garbatella?
“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Inseguendo Lafuente, l’architetto che costruì il Moderno a Roma.
In anteprima per diarioromano, le fotografie dell’ultimo libro di Stefano Nicita su uno dei più interessanti progettisti del novecento.
@sfnnicita
👇

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »