E nel parco tornò il cartellone illegale

Cartellone abusivo via Montiglio

Cartellone abusivo via Montiglio2

Cartellone abusivo via Montiglio3

 

Le foto che vedete qui sopra ci sono state inviate da Franco Q., attivo sia nell’associazione bastacartelloni che nel gruppo Volontari Decoro XIII. Franco conosce bene il suo territorio e anche le normative sull’impiantistica pubblicitaria.

In via Montiglio, una strada che passa nel cuore del parco del Pineto e che sbuca in via Damiano Chiesa, è vietata l’installazione di cartelloni pubblicitari. Lo prevede l’attuale Piano Regolatore e lo stabilivano pure le precedenti norme, proprio perchè si tratta di area confinante con un parco pubblico. In passato, nello stesso punto, era presente un impianto che fu rimosso come si vede dall’ultima foto nella quale si nota un foro che in precedenza ospitava il sostegno di un cartellone.

Circa un mese fa è ricomparso un impianto che è rimasto senza inserzionista per lunghi giorni, poi vi è stato affisso un manifesto che pubblicizza la candidatura di Alfio Marchini e da poche ore è di nuovo senza sponsor.

Dalla targhetta Nbd si risale facilmente alla ditta proprietaria dell’impianto: la Screen City Advertising, una società nota per aver commesso molte “leggerezze” nella installazione dei propri impianti. Tanto che la delibera 425 del 2013 ne stabilì la cessazione parziale dalle attività sul territorio romano, decretando la scadenza della gran parte dei suoi cartelloni il 31/12/2014. E tra i cartelloni scaduti (quindi senza diritto di permanenza sulle strade romane) vi è anche questo con il codice BE217/P.

Insomma si tratta di un cartello doppiamente illegale: in primo luogo perché non ha più le autorizzazioni e in secondo luogo perché è stato installato in una strada di confine con un parco pubblico.

Si tratta di un solo cartello, mentre Roma fino a pochi anni fa era disseminata di impianti del genere. Ma è pur sempre un segnale, un gesto di sfida da parte della ditta che mostra chiaramente di infischiarsene delle norme. Consapevole di essere ormai fuori gioco non appena la riforma entrerà a regime, la ditta tenta di sparare le ultime cartucce.

Motivo in più per non rimandare ancora l’entrata in vigore della riforma e per sperare che il nuovo sindaco, chiunque esso sia, comprenda l’importanza e la delicatezza della questione.

 

 

Condividi:

2 risposte

  1. Quando gli aspiranti sindaci, cioè coloro che dovrebbero risolvere il problema una volta eletti, sono i primi ad trattare la questione con con leggerezza utilizzando addirittura impianti del genere, la cosa non fa sperare in nulla di buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria