E’ confermato: camion bar a bancarelle via il 10 luglio

Dalla pagina facebook della consigliera Naim riprendiamo il seguente lancio di agenzia.

Camion bar 6

(DIRE) Roma, 7 lug. – I camion bar si possono spostare dal Centro di Roma. Il Tar del Lazio dà ragione al Comune di Roma e respinge la sospensiva presentata da Donato Tredicine che aveva chiesto di fermare la delibera comunale che decretava lo spostamento dei camion bar dai luoghi storici di Roma secondo le decisioni del tavolo tecnico sul decoro. Con il provvedimento monocratico emesso oggi dalla sezione seconda ter del Tar del Lazio, cade l’ultimo ostacolo giuridico alla ricollocazione dei camion bar prevista per venerdi’ e annunciata lo scorso 23 giugno dal sindaco di Roma, Ignazio Marino.
I giudici di via Flaminia motivano il rigetto della richiesta di sospensiva spiegando che “non sussistono i presupposti di
‘estrema gravita’ e urgenza’ di cui all’art. 56, primo comma, c.p.a. per l’invocata misura cautelare provvisoria- si legge nel decreto- trattandosi, non di cessazione dell’attivita’, ma di una mera ricollocazione, sia pure in una zona che si asserisce essere di minor valore commerciale”. Il Tribunale fissa per la trattazione collegiale dell’istanza cautelare la camera di consiglio del 29 luglio 2015.

 

Possiamo quindi aspettarci che lo storico spostamento di tutte le postazioni ambulanti del Colosseo, dei Fori Imperiali e del Tridente avverrà questa settimana.

Ci sarà poi da attendere ulteriormente fino al 29 luglio per vedere che non spunti l’ennesimo cavillo a favore degli ambulanti.

Ma per il momento accomodiamoci per godere dello spettacolo di alcuni dei luoghi più preziosi della città finalmente liberati dall’inquinamento visivo di camion bar e bancarelle.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »