Da segnare in agenda: il 18 agosto la Festa degli Antichi Sapori di Configno (Amatrice)

Una bella giornata di svago ma anche un aiuto concreto a una popolazione che non si arrende. La situazione di Amatrice resta drammatica e non va dimenticata

Oggi ci spostiamo fuori dai confini di Roma e in particolare parliamo della bellissima Amatrice, perché alcune associazioni locali ci hanno chiesto aiuto per divulgare un’iniziativa che si terrà il prossimo 18 agosto. Si tratta della “Festa degli Antichi Saperi e Antichi Sapori” che assume un valore particolare, oltre ad essere una bella giornata da trascorrere insieme.

I giovani della città si stanno dando da fare per far rinascere Amatrice rinnovando tutte le tradizioni che prima del terremoto erano motivo di attrazione da tutta Italia. Iniziative che a causa del sisma e subito dopo del Covid erano state sospese o ridotte e che adesso tornano senza più limitazioni.

La festa degli Antichi Sapere e Sapori è una delle più rilevanti per valorizzare il territorio. Il programma di quest’anno prevede il Mercato dei Liberi Saperi a Configno, con prodotti caseari, salumeria, miele, pasta e artigianato tutto frutto delle aziende agricole della zona. Una rete di piccole e medie imprese che ha resistito alle mille difficoltà provocate dalla distruzione di tutte le infrastrutture locali e viarie.

Il pubblico potrà lavorare le farine, preparare formaggi sotto la supervisione degli agricoltori e dei fattori.

Ci sarà poi una tavola rotonda per discutere delle condizioni del patrimonio artistico a distanza esatta di sette anni dal disastroso terremoto, alla quale parteciperanno esperti e giornalisti, oltre a uno spettacolo musicale della Amorklab Orchestra di Roma.

Dalle 19.00 una cena poetica, allietata cioè da alcune poesie e poi il tradizionale “ballo della pupazza” con un gran finale di fuochi di artificio.

Per partecipare a tutti gli eventi e finanziare l’attività delle associazioni locali, sarà sufficiente un contributo di 8 euro, grazie al quale si potrà visitare anche il Museo delle Arti e Tradizioni, il Parco Orie terme e degustare vino, birra e bevande analcoliche.

Qui di seguito l’intero programma della giornata che potrà essere consultato anche sulla pagina Facebook dell’associazione.

 

E’ anche l’occasione per visitare la frazione di Configno e poi spostarsi a poca distanza ad Amatrice. E’ proprio Configno uno dei luoghi nei quali per primi è tornata la vita dopo la drammatica notte del 24 agosto 2016. La forza di un gruppo di giovani che non si è arreso grazie a un simbolo importante: il Museo della frazione che è stato l’unico monumento scampato alla distruzione di tutto il territorio amatriciano. Purtroppo il centro di Amatrice non riesce a trovare una strada per la sua rinascita: solo il 13% degli immobili è agibile o è stato ricostruito e la popolazione (un tempo di 3000 abitanti) non raggiunge i mille. I residenti sono andati a vivere altrove grazie anche agli alloggi temporanei sistemati in altre province dove hanno trovato un nuovo lavoro.

Le casse comunali sono vuote e i finanziamenti nazionali sono bloccati da un impasto di burocrazia e mancanza di manodopera specializzata. Le imprese edili hanno preferito lavorare nel resto d’Italia, sfruttando i bonus del Governo e questo territorio rischia di essere dimenticato.

Ecco perché partecipare alla festa di Configno assume un valore particolare, per portare solidarietà e vicinanza a chi non si ferma e non si lascia spaventare dalle tante difficoltà.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »