nuova fiorentini 3

 

Quando nel dopoguerra il giovanissimo Giuseppe Fiorentini decise di trasferire qui la sede dell’azienda di famiglia, il suo cuore era pieno di dolore. Il padre, Filippo, colui che aveva creato il primo escavatore italiano e fondato la più importante società meccanica del tempo, era morto da pochi mesi. Quasi tutti gli operai della fabbrica (124 su 180) erano stati uccisi da un bombardamento degli alleati mentre erano al lavoro. Un disastro immane che aveva ferito a morte l’animo del padre e segnato per sempre la sua vita.

Ma Giuseppe non si perse d’animo e spostò all’angolo tra via Tiburtina e l’attuale via Filippo Fiorentini tutti i macchinari. Fece costruire splendidi capannoni, oggi valido esempio di archeologia industriale.

IL PROGETTO FONDIARIA-SAI. Come molte altre industrie, anche la Fiorentini si ritrovò nei decenni successivi ad attraversare una forte crisi finanziaria e nei primi anni 80 chiuse definitivamente i battenti. Il terreno e i capannoni all’angolo con via Tiburtina rimasero in abbandono per diversi anni, fino a che furono acquisiti da Fondiaria-Sai che ottenne la licenza di trasformare parte della struttura in appartamenti a condizione che gli altri edifici fossero destinati a servizi (Cittadella della Media e Piccola Impresa) e che uno degli stabili fosse ceduto al Campidoglio.

I lavori iniziarono con molta lentezza. Gli abitanti della zona hanno visto la graduale trasformazione del vecchio silos della Fiorentini in struttura abitativa, con la creazione di terrazzi e balconi sul fronte che affaccia su via Tiburtina. Ma ogni tanto gli operai sparivano e il cantiere si arrestava, salvo poi riprendere dopo alcuni mesi. La crisi del gruppo Fondiaria-Sai e i guai giudiziari della famiglia Ligresti, proprietaria della compagnia, hanno probabilmente influito su questo mega progetto che non è stato mai concluso.

Nel 2012 i lavori sembravano aver trovato un nuovo slancio, tanto che alcuni cartelli annunciarono l’imminente vendita degli appartamenti, ma poco dopo un nuovo stop e il cantiere fu definitivamente abbandonato.

nuova fiorentini 2

nuova fiorentini 4

nuova fiorentini rifiuti
Molti i rifiuti abbandonati nell’area dai recuperanti

 

LA SEDE DEL V MUNICIPIO ANCORA VUOTA. L’aspetto più grave di tutta questa vicenda riguarda però il V° Municipio e la sua sede fatiscente all’altezza del GRA (ci occuperemo nelle prossime settimane di questo edificio).

Il moderno stabile ricoperto di vetrate scure all’interno del complesso ex Fiorentini, infatti, fu completato addirittura nel 2007, cioè ben 9 anni fa e fin da subito fu destinato ad ospitare gli uffici comunali. Ma ad oggi è ancora vuoto mentre il Municipio continua ad operare in una struttura pericolante, con impianti elettrici inadeguati. Per una serie di problemi legati al collaudo e ad alcuni lavori di adeguamento mai realizzati (non è chiaro se li deve svolgere il costruttore o il Comune), il nuovo palazzo è in abbandono e sta andando in rovina.

Sede v municipio vuota 2

Sede v municipio vuota 4

Sede v municipio vuota 3
Il parcheggio dell’edificio

 

Nel 2010 e nel 2012, l’allora presidente del V° Ivano Caradonna, con un gesto plateale occupò l’edificio srotolando alcuni striscioni. Chiedeva che fosse completata la realizzazione della “Cittadella della piccola e media impresa” all’interno dell’ex Fiorentini e la consegna dello stabile al Municipio pronto da tempo. Ma da allora nessun passo in avanti è stato compiuto. Le proteste dei dipendenti del V° Municipio, proseguite negli anni, non hanno trovato ascolto. Solo il gruppo dei Vigili Urbani ha trovato una nuova collocazione in uno stabile costruito nell’area.

sede v municipio occupata
L’occupazione nel 2012 (foto di-roma.com)
sede vigili urbani v municipio
La nuova sede dei vigili del V gruppo

 

L’intero complesso è adesso in abbandono e la responsabilità è mista pubblico/privata. Infatti da una parte il gruppo Fondiaria-Sai non ha interesse o forse le risorse per completare la parte destinata ad abitazioni, mentre il Comune non ha portato a termine il progetto della Cittadella dell’impresa, né del trasferimento di sede degli uffici municipali.

Il risultato è che se non si interverrà nei prossimi mesi, ettari di terreno e edifici di pregio in un’area centrale della città finiranno in definitiva rovina.

 


Clicca qui per le precedenti puntate di Citta in Rovina

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢 ▪️▪️▪️▪️ #Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_

test Twitter Media - In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢
▪️▪️▪️▪️
#Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_ https://t.co/FYiFdr2Bk1

Nel resto d'Europa e d'Italia, gli ex #ospedali psichiatrici offrono bellezza e servizi pubblici. A S.Maria della Pietà, invece, abbandono e #occupazioni abusive‼️🤦🏻‍♂️ La storia di ieri e di oggi. #26maggio #buonagiornata #Roma #news ▪️▪️▪️▪️ 👇📰 diarioromano.it/s-maria-della-…

#Domenica di libertà in era #COVID19 e normalità tornata con tutte le auto in sosta selvaggia al seguito (qui piazza del Popolo). . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - #Domenica di libertà in era #COVID19 e normalità tornata con tutte le auto in sosta selvaggia al seguito (qui piazza del Popolo).
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/94JnXOwEku
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close