Città in rovina – L’ex istituto Angelo Mai

20160306_110846

 

Uno stabile enorme incastonato nel cuore del rione Monti. Questo è l’ex istituto Angelo Mai, un manufatto di fine Ottocento, allora convitto, occupato nel 2004 da una trentina di famiglie che rivendicavano il “diritto alla casa”, a cui si aggiunsero teatranti, musicisti, artisti vari, lavoratori e ricercatori.

L’occupazione andò avanti per circa due anni, con una congrua produzione di mostre d’arte, concerti, corsi e rappresentazioni teatrali. Poi nell’ottobre 2006 la giunta Veltroni decise di riprendersi lo stabile per trasferirci la scuola media cosiddetta “Viscontino”. Si procedette quindi allo sgombero e nel 2007 sempre la Giunta Comunale approvò una delibera per la ristrutturazione complessiva dell’immobile, con la fine lavori prevista nel 2011. I lavori però non sono mai iniziati e lo stabile a dieci anni dallo sgombero si presenta come da foto seguenti.

 

20160306_110809

 

20160306_111047

 

20160306_111043

 

È o non è da criminali lasciare uno spazio simile, nel cuore della Suburra, in disfacimento per un decennio?

Una storia come questa dimostra come non è importante il colore della maggioranza che governa Roma; purtroppo in questa città sembra esservi una condanna per cui tutti inesorabilmente si dimostrano incapaci di amministrare i beni pubblici con un minimo di buon senso.

E desolatamente questo tema degli spazi pubblici e privati abbandonati o occupati continua a mancare del tutto nell’agenda elettorale dei tanti (troppi) candidati sindaco.

 


 

Per la precedenti puntate di Città in rovina cliccare qui

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Balduina, i cassonetti sulla fermata del bus.
Proprio davanti la stazione Appiano in via Proba Petronia, per prendere il 990 i passeggeri devono passare in mezzo ai cassonetti dei rifiuti!
#fotodelgiorno

Cartelloni abusivi: non c’è due senza tre!
Su un piccolo spartitraffico della Salaria, bonificato nel 2022, sono ricomparsi impianti irregolari uno dietro l’altro. L’Osservatorio Sherwood li ha denunciati ma restano tutti lì a guadagnare illecitamente.

#buongiornouncazzo amici @PendolariRMNord oggi tutti in maghina al lavoro. Grazie @AmaliaColaceci
@RegioneLazio @GheraFabrizio @roccapresidente @TUTraP_APS @QuinziUgo @diarioromano @MercurioPsi @Codacons @CorteContiPress @corriereroma @maxgobbi @AndreaGiuricin @mitgov_it

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria